Seno gonfio e dolente: posso essere incinta?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 02/02/2021 Aggiornato il 02/02/2021

La sindrome premestruale e la gravidanza iniziale possono determinare sintomi molto simili, quindi per avere conferma di essere incinta occorre fare il test.

Una domanda di: Francesca
Salve, sono uan donna di 44 anni. Ho avuto rapporti con il coito interrotto anche nei giorni fertili. Ora ho un ritardo di quasi 2 giorni. Seno gonfio e dolorante! A volte mai di di pancia, ma senza ciclo! È solo un ritardo o ci sta la possibilità di una gravidanza? Preciso che ho un bimbo di 22 mesi che ancora allatto! Grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
quanti punti esclamativi nella sua lettera, ne deduco che avere un altro bambino le piacerebbe. Il ritardo e i sintomi che descrive potrebbero essere espressione di una gravidanza iniziale ma potrebbero anche essere legati all’arrivo delle mestruazioni. Per togliersi ogni dubbio c’è un mezzo sicuro: il test di gravidanza. Va bene quello che si effettua in casa sulle urine. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti