Sensazione di peso nella parte bassa della pancia: cosa può essere?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 30/10/2023 Aggiornato il 30/10/2023

L'urgenza di fare pipì di frequente unita a un senso di fastidio nella zona del basso addome deve far pensare a una cistite più che a un prolasso uterino, specialmente se riguarda una donna molto giovane.

Una domanda di: Gelsomina
Salve dottoressa sto da 2 mesi con un peso sotto la pancia che nessuno capisce. Inoltre ho un continuo stimolo a far pipì. Il ginecologo mi disse che avevo l’utero un po’ ingrossato, però mi ha dato la cura per le ovaie perché avevo ovaie microcistiche, ma con tutta la cura per le ovaie, lavande e bustine, sto sempre con questo peso nella parte bassa dell’addome: cosa potrei fare?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi sembra strano che nessuno dei miei colleghi abbia pensato di farle fare un’urinocoltura. I sintomi che ha (senso di peso e continuo stimolo ad urinare) farebbero pensare proprio ad una cistite! Magari lei ha assunto delle bustine di integratori contenenti mannosio? Se sì, potrebbero essere state insufficienti e occorre fare l’urinocoltura proprio per isolare il germe che le sta dando noia e identificare l’antibiotico più appropriato per debellarlo. Credo sia un buon rimedio quello di assumere nel mentre dei fermenti lattici (si trovano nello yoghurt se lo tollera, altrimenti come bustine/compresse/fialette in farmacia o parafarmacia senza bisogno di prescrizione) che aiutano a riequilibrare la flora batterica “buona” sia a livello intestinale che genito-urinario. Naturalmente è una buona idea idratarsi in abbondanza (acqua, mi raccomando e non bibite zuccherate) e per quanto possibile evitare di trattenere troppo a lungo la pipì. Spero di averla aiutata, mi tenga aggiornata se desidera, cordialmente. p.s. non mi ha precisato la sua età! Presumo 24 anni dall’anno che compare nel suo indirizzo email. In ogni caso se è giovane il senso di peso pelvico NON può essere di certo causato da un iniziale prolasso dell’utero!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti