Senza tube e con un ovaio solo si può avere un figlio?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 08/04/2024 Aggiornato il 08/04/2024

Ci sono condizioni oggettive che impediscono di concepire in maniera naturale: l'assenza delle tube, unita a un valore di anti-mulleriano molto basso, è una di queste.

Una domanda di: Lucia
Buongiorno dottoressa, l’anno scorso sono stata operata in laparoscopia per endometriosi severa mi hanno tolto tube e un ovaio, le allego l’intervento. Per un anno circa ho assunto la pillola anticoncezionale continua su ordine del medico, senza avere ciclo. A dicembre l’ho sospesa dopo tre giorni mi viene il ciclo ad oggi sono 4 mesi che non arriva ho fatto gli esami ormonali e risulta menopausa precoce: ho 34 anni, le volevo chiedere posso fare solo ovodonazione? Quanto sono sicuri gli esami
ormonali? Riprenderò di nuovo la pillola mi hanno detto per l’età giovane sono a rischio di osteoporosi. L’ultima cosa, ecco l’esito dell’esame antimulleriano: 0,1%, ho
qualche minima possibilità di follicoli senza ciclo? Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora,
dalla descrizione del suo intervento si intuisce uno stato infiammatorio pelvico molto avanzato che ha richiesto purtroppo il sacrificio dell’ovaio destro e di entrambe le tube. Lei mi riporta anche un valore di ormone anti-mulleriano decisamente basso.
Immagino però che sia stato dosato insieme ad altri ormoni, magari l’estradiolo, l’FSH, l’LH…in modo da darci un quadro più preciso della funzione ovarica residua. Se le fosse possibile allegare anche il referto di questi esami ematochimici, forse riuscirei a darle un parere più preciso.
Resta il fatto che una maternità nel suo caso comporterebbe necessariamente l’impiego di tecniche di procreazione medicalmente assistita (se non proprio l’ovodonazione, almeno la fecondazione in vitro con transfer dell’embrione successivo) e non mi sento proprio di consigliarle di sottoporsi a trattamenti così impegnativi non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto psicofisico per la donna e per la coppia, gravati da un tasso di insuccesso purtroppo molto elevato, oltre che da rischi per la salute del nascituro.
Tuttavia, prima di farle riprendere la pillola, sarei dell’idea di lasciarla “scoperta” ancora alcuni mesi (eventualmente dosando calcio e vitamina D in modo da correggere eventuali carenze con un’apposita integrazione e praticando attività fisica regolarmente) in modo da accertarci che il suo ciclo si sia interrotto così prematuramente (e in tal caso instaurare una terapia ormonale sostitutiva) e da dare all’ovaio residuo il tempo – si spera – di rimettersi in funzione spontaneamente.
Spero di averla aiutata, forse non a diventare mamma come lei desidera (ma per noi donne è talmente radicato questo desiderio che si possono trovare anche strade collaterali per realizzarlo: che sia l’adozione, l’insegnamento, il servizio come volontarie nei reparti pediatrici degli ospedali…), sono sicura che anche lei troverà il modo di realizzare questo sogno!
La abbraccio a distanza.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti