Settimane di gravidanza: si contano dal concepimento?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 10/01/2024 Aggiornato il 25/01/2024

Poiché non è mai possibile sapere con esattezza il giorno esatto del concepimento, perché non è detto che coincida con quello in cui si è svolto il rapporto sessuale che lo ha determinato, per datare la gravidanza in prima battuta ci si basa sul "regolo ostetrico" che conta del 40 settimane di gestazione a partire dalla data di inizio dell'ultima mestruazione.

Una domanda di: Lisa
Oggi ho fatto la prima ecografia e non si vede l’embrione. Mi ero seganta la data esatta del concepimento, che risale al 3 dicembre, volevo sapere
se sono di 5 settimane ed è ancora presto per vedere l’embrione. Il mio ginecologo mi ha detto che sono di 6 settimane e 3 giorni perché l’ultimo
giorno di ciclo è stato il 25 novembre ma io credo di essere di 5 setimane e non di sei, visto che so la data esatta del concepimento (il 3 dicembre). Giusto?

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
non è mai possibile indicare con esattezza la data del concepimento per la semplice ragione che non è detto che coincida con il giorno in cui è
avvenuto il rapporto sessuale. E questo vale anche se si è trattato di un unico rapporto sessuale nell’arco di tutto il mese. Gli spermatozoi maschili possono infatti vivere addirittura fino a sette giorni nell’apparato genitale femminile quindi è possibile che un rapporto avvenuto il 3 dicembre abbia determinato il concepimento qualche giorno dopo. La datazione della gravidanza, fino a quando non si riesce a vedere l’embrione con l’ecografia e quindi a misurarlo, viene fatta sulla base della data di inizio dell’ultima mestruazione ed è per questo che il suo ginecologo sostiene (a ragione) che lei sia in 6^ settimana (oggi in 6 settimane + 4 giorni): si tratta di un criterio di datazione applicato tradizionalmente a cui è opportuno attenersi in attesa che appunto l’embrione diventi individuabile con l’ecografo. Posto tutto questo, è possibile che lei abbia concepito più avanti rispetto all’atteso (cioè circa a metà ciclo) e sia per questo che ancora l’embrione non si vede, nonostante a sei settimane di norma sia possibile visualizzarlo. A questo punto non resta che attendere il trascorrere dei giorni, in quanto se realmente lei fosse una settimana indietro rispetto al calendario ostetrico (che, ripeto, conta le 40 settimane di gravidanza a partire dalla data di inizio dell’ultima mestruazione), ma la gravidanza fosse in corretta evoluzione, tra sette-dieci giorni l’embrione si dovrà vedere nitidamente con l’ecografia. Ma di sicuro il suo ginecologo l’avrà informata di questo e anche le avrà fissato un controllo tra circa una settimana, dico bene? Mi faccia sapere, se lo desidera. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti