Si è interrotta la mia gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 19/01/2022 Aggiornato il 19/01/2022

Dosaggio delle beta-hCG e determinati sintomi esprimono che una gravidanza non è evolutiva.

Una domanda di: Kristel
Le scrivo perché sabato 8/01, con un ritardo di qualche giorno (ciclo nella

media di 35 giorni) ho avuto un ciclo diverso dal solito, meno abbondante e

dalla duratura scarsa. In quel giorno è uscito un tessuto abbastanza grosso

che ad occhio sembrava un coagulo di sangue, ma, esaminandolo, sembrava più

carne.

Qualche giorno dopo ho iniziato ad avere strani sintomi e, per curiosità ho

eseguito un test di gravidanza che è risultato nitidamente positivo. Ne ho

eseguito anche uno digitale e indicava 2-3 settimane dal concepimento

(perfetto con la tempistica dell’ovulazione) in data 13/01 vado a fare le

beta e il valore è di 877 ma il giorno dopo, alla sera, lieve dolore all’ovaio

destro e alla schiena, con piccole perdite che andavano dal marroncino al

marrone più rossastro. Il 15/01 ripeto le beta e sono a 864.

Ho già avuto un esperienza di aborto biochimico ma questa volta le cose sono

diverse dal solito. Ad oggi, 17/01, continuo ad avere lievi perdite

marroncine ma nessun tipo di dolore. Il seno mi duole e ogni tanto senso di

nausea. Le classiche perdite abbondanti post aborto non ne ho.

Se è avvenuto l’aborto, quando è successo? Quando ho avuto quella grossa

perdita o dopo? Perché le beta a distanza di due giorni erano ancora di

valore molto simile.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, dal dosaggio delle beta e dai sintomi che mi riporta direi che possiamo classificare la sua situazione come una gravidanza non evolutiva. Potrebbe essere il caso di un aborto interno dato che finora le perdite ematiche sono state molto scarse oppure di un aborto spontaneo incompleto (forse quella struttura che lei classifica come carne era proprio la camera gestazionale).
La cosa più utile da farsi a mio avviso è una ecografia pelvica transvaginale che ci permetterà di osservare le condizioni di utero, tube e ovaie, di modo da escludere qualsiasi patologia in queste sedi. Facilmente non si rileverà la camera gestazionale nell’utero e questo ci impone di controllare l’evoluzione delle beta-hCG fino al loro completo azzeramento (potrebbe essersi trattato di gravidanza extrauterina).
Il dato a suo favore, volendo cercare comunque qualcosa di positivo in questa vicenda spiacevole, è che non dovrà sottoporsi al raschiamento della cavità uterina. Essendosi interrotta così precocemente la gravidanza, è molto probabile che il suo utero sarà capace di ripulirsi completamente in autonomia…è solo questione di tempo.
Spero di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti