Si è interrotta o no la mia gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 21/06/2021 Aggiornato il 21/06/2021

Nel caso in cui sussista il ragionevole dubbio che un aborto spontaneo non si sia verificato, diversamente da quanto in precedenza diagnosticato, conviene attendere alcuni giorni e ripetere l'ecografia da cui si otterrà il verdetto definitivo.

Una domanda di: Roberta
Gentile dottoressa, Le scrivo in merito alla mia prima gravidanza. Premetto
che l’ultimo ciclo mestruale risale al 14 aprile scorso e che ho eseguito un’ecografia
in data 24 aprile che non evidenziava alcuna gravidanza in atto. In seguito
alla mancanza delle mestruazioni nel mese di maggio, eseguo un test di gravidanza, il
cui esito è stato positivo, e l’esame del beta-hCG, il cui valore alla data
del 27 maggio è di 14.408,0 mU/ml. Accertato lo stato di gravidanza, eseguo
una prima visita ginecologica in data 01 giugno, nella quale il ginecologo
evidenza la presenza del sacco gestazionale e del sacco vitellino ma non
dell’embrione. Conclude diagnosticando un caso di uovo chiaro. Conservando
qualche dubbio, mi sottopongo ad un’ulteriore ecografia a distanza di una
settimana. L’ecografia evidenzia un sacco gestazionale di 23,5 mm, un sacco
vitellino di 5,2 mm e la presenza di una struttura embrionale (CRL= 2,4mm) e
l’assenza di battito cardiaco: il medico diagnostica pertanto un caso di
aborto interno ed evidenzia la necessità di effettuare il raschiamento.
Fugato ogni dubbio, mi rivolgo pertanto lo stesso giorno al locale
presidio ospedaliero per seguire la procedura suggerita per effettuare il
raschiamento. Durante la visita però la ginecologa prima di confermare
quanto diagnosticato nell’ ecografia a cui mi ero sottoposta, per
sincerarsi dell’interruzione effettiva della gravidanza, mi sottopone ad
una nuova ecografia e mi indica di effettuare un ulteriore valore del beta-hCG, eseguito per 2 volte consecutive a giorni alterni ed una nuova
ecografia a distanza di una settimana. Il valore del primo beta eseguito il
giorno seguente è di 32.579,0 mU/ml. Nell’attesa, di eseguire il prossimo
beta e la nuova ecografia, Le chiedo gentilmente di fornirmi un suo parere
al riguardo. Cordiali saluti.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi sembra di poter dire che ben due colleghi su tre hanno avuto forse un po’ troppa fretta di chiudere il cerchio e porre diagnosi di gravidanza non evolutiva (uovo chiaro e aborto interno rispettivamente).
Sarebbe interessante sapere se in precedenza i suoi cicli arrivassero puntuali oppure si facessero attendere.
Ho idea che la sua vicenda possa essere spiegata immaginando che ci sia stato un ritardo nell’ovulazione e quindi anche nel concepimento rispetto a quello che per lei risulta l’inizio dell’ultima mestruazione (ossia il 14 aprile).
Resta comunque molto strana la discrepanza tra i valori molto elevati delle beta-hCG (compatibili con una gravidanza di 7-8 settimane di amenorrea, 5-6 settimane dal concepimento come si può vedere dalla tabella a questo link: https://www.bimbisaniebelli.it/gravidanza/beta-hcg) e il reperto ecografico di embrione tuttora in fase iniziale di sviluppo, senza che sia ancora visibile il battito cardiaco.
Direi che condivido l’indicazione dell’ultima collega di effettuare nuovamente il controllo ecografico a distanza di una settimana (a quel punto, se la gravidanza prosegue come sta facendo ora, si vedrà anche il battito cardiaco dell’embrione).
Quanto al dosaggio delle beta-hCG, essendo già stata diagnosticata la gravidanza in utero ed avendo già dimostrato che sono in netto aumento, sinceramente non le ritengo così indispensabili.
Spero di averle dato fiducia, resto disponibile se avesse bisogno di ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti