Si può fare attività fisica in allattamento?

Dottoressa Chiara Boscaro A cura di Dottoressa Chiara Boscaro Pubblicato il 19/02/2021 Aggiornato il 19/02/2021

Fare movimento mentre si allatta è un'ottima abitudine. Aiuta a perdere gli eventuali chili di troppo e giova al tono dell'umore.

Una domanda di: Rosa
Sto allattando la mia secondogenita di 7 mesi ( già svezzata pranzo e a cena ma la allatto di mattina, a merenda e durante la notte).
Sono riuscita seguendo un’alimentazione equilibrata a ritornare al mio
peso pregravidanza, ma mi rimangono ancora 7 chili rimasti dalla mia
gravidanza precedente avuta 3 anni fa, che non riesco a smaltire. Al più
presto contatterò una nutrizionista ma nel frattempo vorrei iscrivermi ad un
corso di aerobica online. Vorrei chiedere se allattando posso comunque
svolgere un’ attività sportiva (ovviamente non a livello agonistico) e
perdere questi ulteriori 7 chili ma soprattutto tonificarmi (attualmente
peso 61 chili per 1.64, come prima di restare incinta la seconda volta, ma
prima di avere figli pesavo 54 chili). Sono almeno 5 anni che non faccio
alcun tipo di sport e vorrei riprendere al più presto perché sono molto a
disagio con me stessa per questi chili in più. Preciso che so di essere
normopeso, ma il mio peso normale era comunque di gran lunga inferiore a
quello che ho ora e per me non è accettabile rimanere così. È il caso che
smetta di allattare se voglio perdere questi chili e se voglio iniziare a
fare sport o posso continuare l’allattamento in sicurezza? Sicurezza per
il bambino intendo. Ovviamente non farei diete drastiche ma perderei 2 kg
al mese circa al massimo, poiché la mia pediatra mi disse già con il primo
figlio che in allattamento si deve perdere peso gradualmente.

Chiara Boscaro
Chiara Boscaro

Gentile lettrice, nel Suo caso sarebbe ideale dedicare all’attività motoria, come ad esempio effettuare delle camminate a passo sostenuto, ogni giorno circa 20-35 minuti in modo costante, che, assieme all’allattamento, Le permetterebbero di avere un buon dispendio energetico giornaliero così da iniziare a perdere peso. A questo tipo di attività può sicuramente affiancare uno sport più intenso circa 2-3 volte alla settimana, come aerobica, cyclette, esercizi a corpo libero. Non sta scritto da nessuna parte che fare movimento sia dannoso in allattamento, anzi è un’ottima abitudine anche perché agisce in modo positivo sul tono dell’umore. Credo meriti di essere sottolineato che il dimagrimento deve sempre essere graduale, anche al di fuori dell’allattamento. Attualmente il Suo indice di massa corporea è di 22.6, mentre a 54 kg sarebbe di 20,1, in ogni caso normopeso ma di sicuro nel secondo caso più appropriato rispetto a quello che lei desidera essere. Se Lei si è sempre sentita meglio con un peso corporeo inferiore a quello attuale (come è comprensibile perché in effetti 61 chilogrammi per la sua altezza, anche se più che accettabili dal punto di vista del BMI, in realtà non sono poi così pochi), è sicuramente consigliabile che si affidi a un nutrizionista. Con il suo aiuto potrà perdere gradualmente i chili che la separano da quello che è il suo peso ideale, almeno da un punto di vista psicologico, perché appunto la fa sentire meglio con se stessa (ed è molto!). Un nutrizionista non le suggerirà certo una dieta troppo drastica, che non le permetterebbe di mantenere i chili persi a lungo termine oltre naturalmente a risultare pericolosa per la slaute. Può iniziare comunque fin da ora a seguire un’alimentazione corretta consumando ad ogni pasto verdura e frutta di stagione, cereali integrali, alternando il consumo di pesce e cereali integrali, evitando i dolci e gli alcolici, peraltro tassativamente vietati in allattamento. L’idratazione riveste un ruolo importante in allattamento, è indicato bere almeno 2 litri di acqua naturale al giorno, ricca in calcio.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti