Si può fare il pap test in gravidanza?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 08/10/2018 Aggiornato il 08/10/2018

Il pap test può tranquillamente essere eseguito anche dalle donne che aspettano un bambino.

Una domanda di: Stefania
Buongiorno io sono di tre mesi e devo fare il pap test. Può portare
complicanze o si può fare?

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
sarebbe corretto eseguire il pap test prima di iniziare una gravidanza, tuttavia se così non fosse stato è opportuno effettuarlo durante i primi mesi di gravidanza, quindi sì è giusto che lei lo faccia.
Il prelievo del pap test si effettua con un piccolo cotton fioc e una spatolina: quello che si preleva è semplice muco endocervicale (del collo dell’utero) e vaginale. Questo significa che non si alterano i tessuti né si creano condizioni pericolose per il bambino: è un po’ come analizzare l’acqua con cui qualcuno si è lavato le mani, in essa sono rintracciabili cellule desquamate della cute.
Stia dunque tranquilla: il pap test non arreca dunque alcun danno al piccolo che, oltretutto, si trova ben distante dalla zona in cui si esegue il prelievo del muco. Spero di averla tranquillizzata, tanti cari auguri per tutto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti