Si può iniziare una gravidanza mentre si assume il Lacosamide?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/03/2022 Aggiornato il 28/03/2022

Non ci sono dati sufficienti riguardo alla relazione tra malformazioni del feto e assunzione dell'antiepilettico Lacosamide durante la gravidanza: meglio dunque confrontarsi con il neurologo per poter intraprendere una terapia più collaudata.

Una domanda di: Sabrina
Le scrivo per informarLa della mia situazione un po’ particolare. Ho 20 anni e il 18 marzo mi sono dovuta sottoporre ad angiografia per una MAV nella parete toracica sinistra, mentre il 16 marzo ho avuto sempre nella stessa zona una radiografia. Vorrei chiederle se è possibile adesso rimanere incinta e in caso se ci sono problemi (malformazioni ecc.) per il futuro bambino, purtroppo sono anche epilettica e ho dovuto cambiare terapia a causa di un’allergia, prima prendevo Topamax che ho pian piano diminuito per sostituirlo con Vimpat 50 milligrammi che però devo aumentare a breve fino ad arrivare ad una dose complessiva di 50+100mg in tutta la giornata. Quali rischi ci potrebbero essere con il principio attivo Lacosamide in gravidanza? È bene provare adesso oppure devo aspettare un po’? La ringrazio anticipatamente. Le scrivo per informarLa della mia situazione un po\’ particolare. Ho 20 anni e il 18 marzo mi sono dovuta sottoporre ad angiografia per una MAV nella parete toracica sx, mentre il 16 marzo ho avuto sempre nella stessa zona una radiografia. Vorrei chiederle se è possibile adesso rimanere incinta e in caso se ci sono problemi (malformazioni ecc.) per il futuro bambino, purtroppo sono anche epilettica e ho dovuto cambiare terapia a causa di un\’allergia, prima prendevo topamax che ho pian piano diminuito per sostituirlo con Vimpat 50mg che però devo aumentare a breve fino ad arrivare ad una dose complessiva di 50+100mg in tutta la giornata, quali rischi ci potrebbero essere con il principio attivo lacosamide in gravidanza? È bene provare adesso oppure devo aspettare un po’? La ringrazio anticipatamente.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, la ricerca della gravidanza non viene messa in pericolo dall’aver effettuato una angioTAC e una radiografia al torace, quanto piuttosto dall’impiego di un farmaco, Vimpat ossia Lacosamide, su cui non abbiamo ancora le idee sufficientemente chiare in materia di rischio malformativo fetale, dato l’esiguo numero di casi esposti e documentati in letteratura scientifica fino ad oggi. Sarebbe a mio avviso indicato un confronto con il neurologo curante per poter intraprendere una terapia farmacologica maggiormente collaudata, con farmaci quali Levetiracetam (Keppra) o Lamotrigina. A prescindere dall’impiego di farmaci in gravidanza, pare che le pazienti con storia di epilessia abbiano un rischio malformativo maggiore rispetto alla popolazione generale (rischio in quest’ultima categoria stimato intorno al 3-4%) e che quindi siano raccomandabili sia dei controlli ecografici supplementari, sia un dosaggio di acido folico “rinforzato”. Per indagare il rischio di malformazioni fetali, oltre all’ecografia denominata “traslucenza nucale” da effettuarsi nel primo trimestre, consiglio di effettuare un’ecografia ostetrica di II livello (con esenzione M50 ossia gravidanza a rischio) a 16 settimane di gravidanza per poter valutare con maggiore accuratezza la corretta formazione degli organi del nascituro. Il quesito diagnostico potrebbe essere “epilessia in terapia in gravidanza”. Quanto all’acido folico, raccomando l’assunzione di Folina 5 mg 1 compressa al giorno almeno per tutto il primo trimestre di gravidanza per prevenire eventuali difetti congeniti fetali, in particolare questa vitamina aiuta a formare correttamente la colonna vertebrale ed il cuore fetale…inoltre contribuisce nella formazione dei globuli rossi materni e fetali. Resto a disposizione se occorre per ulteriori chiarimenti, cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti