Si può proporre al bimbo una dieta vegetariana?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/10/2017 Aggiornato il 17/10/2017

La salute a tavola passa anche dalla varietà degli alimenti introdotti. A un bambino che affronta una dieta senza carne vanno offerti latticini e uova e deve necessariamente assumere integratori a base di ferro, acido folico, vitamina B6.

Una domanda di: Marta
Cara dottoressa,
io e mio marito siamo vegetariani (ma compensiamo con legumi, uova, formaggio e integrazione di vitamina B12). A gennaio avrò il mio primo bambino: è presto lo so ma mi chiedo se potrà essere anche lui vegetariano senza correre rischi. Non siamo dei fanatici: se è meglio dargli la carne, quando inizierà lo svezzamento, gliela daremo. Ma se potessimo farne a meno senza esporlo a pericoli sarbbe meglio per noi. Cosa mi può dire al riguardo? Un bimbo può essere vegetariano? E se sì come deve essere la sua dieta tipo’ E’ giusto dare anche a lui l’integrazione di vitamina B12? Grazie davvero

Alessandra Bosetti
Alessandra Bosetti

Cara mamma Marta,
è un argomento molto dibattuto quello della dieta vegetariana o vegana e temo stia diventando un fenomeno virale, ricco di suggestioni e mistificazioni. Premesso che l’uomo nasce onnivoro e che la salute a tavola passa necessariamente attraverso un equilibrio dietetico di apporti nutrizionali tra le diverse fonti alimentari e che la varietà a tavola è sempre l’opzione più vantaggiosa, nel bambino sarebbe indispensabile avere un atteggiamento di larghe vedute e metterlo nella condizione di conoscere il maggior numero possibile di sapori, gusti e consistenze alimentari. Gli studi dimostrano come sia importante moderare l’introduzione di proteine di origine vegetale perché sempre più associate all’incidenza di uno stato di infiammazione e di insorgenza di patologie immunomediate, ma questo non può significare terrorismo nel piatto…Questo per evitare assurde selettività e porre le basi per un gusto in età più adulta, consapevole. Il fanatismo a tavola spesso può generare tratti di disturbi alimentari preoccupanti nei bambini e negli adolescenti…Un bambino può essere ovo-latte vegetariano ma la sua dieta deve prevedere necessariamente una supplementazione di ferro, acido folico, vitamina B6. in generale mi permetto una riflessione: ci siamo mai interrogati sul diritto dei bambini ad avere un’alimentazione varia e completa e sul diritto successivamente, in età adulta di poter scegliere in modo consapevole che tipo di alimentazione adottare? Forse bisognerebbe farlo e lei, infatti, gentile signora Marta, ha il giusto approccio con la questione in quanto si pone dei dubbi e si informa prima di prendere una qualsiasi decisione drastica. Il suo è l’atteggiamento più responsabile e, quindi, giusto. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti