Sicura di essere incinta con la paura che sia una “extra-uterina”

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 06/09/2021 Aggiornato il 13/09/2021

E' sempre prudente (per evitare delusioni) evitare le autodiagnosi e anche convincersi di aver dato inizio a una gravidanza prima di aver effettuato lo specifico test.

Una domanda di: Marina
Salve, dovrei essere incinta da una settimana (dovrei perché non ho ancora
ovviamente effettuato il test) ma ne sono abbastanza sicura perché riconosco
i sintomi e perché per fortuna rimango subito incinta. Il problema è che ho
un dubbio. Dopo quasi 3 giorni dal rapporto ho avuto un sintomo strano: ho
avuto tipo fitte nel basso addome o al ventre nella parte destra. È
possibile che si sia verificato un impianto così precoce? Perché la mia
paura è che si è impiantato magari in una tuba, ma magari e ovviamente me
lo auguro sono soltanto mie paranoie. Siccome ero già stata incinta e
ricordi di aver avuto sintomi di impianto al 5 giorno ed erano diversi da
queste fitte che ho avuto e poi allora le avevo sentito in direzione
dell’utero in alto mentre stavolta erano completamente diverse (sempre se
si trattava di sintomi da impianto) anche adesso sento come un fastidio a
volte nella parte destra ma anche al centro sento tipo un peso. Tra un paio
di giorni farò il test però so che in caso di extrauterina il test compare
lo stesso positivo. Secondonlei è possibile che un impianto si verifichi
dopo soli tre giorni? E se così fosse cla gravidanza può procedere
tranquillamente? Sempre se si è impiantato giusto.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi stupisce la sua capacità di introspezione!
Allo stesso tempo le vorrei dire di non eccedere nell’auto-analisi e auto-diagnosi perchè si rischia di considerarsi affetti dalle peggiori patologie (come ad esempio la gravidanza extrauterina) senza che questo corrisponda alla realtà dei fatti, nel mentre l’apprensione la fa star male per davvero!
Il fatto di avere dei sintomi suggestivi per gravidanza ci può poi indurre ad attribuire all’apparato riproduttore tutte le sensazioni localizzate al basso ventre, che però possono anche avere origini diverse, ad esempio intestinale e urinaria.
In particolare, non sarebbe strano se fosse “colpa” dell’intestino quel che lei ha avvertito in quanto per effetto del progesterone (che, dopo l’ovulazione la fa da padrone) l’intestino rallenta il suo transito e si possono facilmente sviluppare meteorismo e quindi fitte intestinali.
Lei non si è soffermata ad elencare i sintomi della gravidanza iniziale ma immagino intendesse uno o più fra i seguenti: nausea, tensione al seno, stanchezza, intestino pigro con tendenza al meteorismo, umore fragile con tendenza al pianto, fastidio ad alcuni odori (ad esempio fumo di sigaretta, caffè…), bisogno di urinare di frequente e anche durante la notte…
Rispetto alla sua domanda sulle tempistiche dell’impianto direi che mi sembra improbabile che avvenga soltanto 3 giorni dopo il concepimento in quanto normalmente si dovrebbe verificare tra 5 e 7 giorni dopo. Inoltre, dato che presumo lei non abbia mai sviluppato una gravidanza extrauterina e che la precedente gravidanza sia decorsa regolarmente, direi che non ci aspettiamo sorprese in questo senso.
Infine, è piuttosto difficile identificare il momento esatto del concepimento perché non è detto che coincida con il giorno del rapporto cosiddetto fecondante: possono intercorrere anche alcuni giorni tra il primo e il secondo!
Per questo noi ginecologi ci basiamo sulla data d’inizio dell’ultima mestruazione in quanto è quella più evidente.
Poi spetta all’ecografia dire se effettivamente il concepimento è avvenuto attorno al 14° giorno di ciclo o meno (in tal caso si procede a ridatare la gravidanza).
Spero di averle risposto e…incrociamo le dita per il suo prossimo test!
Si ricordi di assumere acido folico (1 compressa al giorno da 400 mcg salvo diversa indicazione medica) e…di non farsi sopraffare dalle paure: cuor contento il Ciel l’aiuta!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti