Sindrome di Menière: uno studio da tenere in considerazione

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 27/12/2022 Aggiornato il 27/12/2022

Un otorinolaringoiatra scrive al nostro esperto per parlargli di uno studio relativo alla cura della malattie di Mèniere che, ancora oggi, è un argomento tra i più dibattuti.

Una domanda di: dottor Edoardo Bernkopf (www.studiober.com)
Caro Collega, tratto la malattia di Menière da oltre 20 anni, ma da libero professionista quale sono, il successo clinico non conterebbe nulla, anche se per il paziente è tutto. Finalmente sono riuscito a pubblicare sulla più autorevole rivista specialistica ORL europea uno studio controllato in collaborazione con la ORL dell’Università di Trieste (avevo restituito perfettamente guarita una paziente che il Direttore aveva in cura): Edoardo Bernkopf · Vincenzo Capriotti · Giulia Bernkopf · Emilia Cancellieri · Andrea D’Alessandro – Alberto Vito Marcuzzo · Caterina Gentili · Giovanni Carlo De Vincentiis · Giancarlo Tirelli: Oral splint therapy in patients with Menière’s disease and temporomandibular disorder: a long-term, controlled study.Eur Arch Otorhinolaryngol. 2022 Aug 26. doi: 10.1007/s00405-022-07604-3. Online ahead of print.PMID: 36018357, Impact factor 3.236 (2021). È stata per me gratificante poter aggiungere una validazione scientifica alla mia attività clinica, che mi sta dando le più belle soddisfazioni su una malattia considerata incurabile: https://www.studiober.com/category/meniere/ Se credi, in considerazione dalla assoluta mancanza di rischio biologico, tienine conto. Ti ringrazio dell’attenzione. Cordiali saluti
Aldo Messina
Aldo Messina

Gentile collega. siamo onorati di ricevere la Sua missiva. Il tema della terapia della malattia di Menière è tra i più dibattuti e mai risolti della ricerca otoneurologica, probabilmente a causa della molteplice eziologia della malattia in oggetto. Siamo a conoscenza dei vostri studi, peraltro condotti con colleghi otoneurologi di certa e comprovata fama ed esperienza. Non essendo questa la sede per i dibattiti scientifici, nel congratularmi per il risultato raggiunto, mi limiterei a citare le conclusioni che voi stessi riportate nel testo della pubblicazione scientifica da Lei menzionata: “Oral splint therapy could represent a viable treatment in patients with TMD and uncontrolled MD disease. The effects are maintained at least after 2 years”, dove si afferma, quindi, che “la terapia con splint orale potrebbe rappresentare un trattamento praticabile nei pazienti con Disordine Temporo Mandibolare(TDM) e malattia di Menière (MD) non controllata. Gli effetti si mantengono almeno dopo 2 anni”. Pertanto mi sembra di capire che quella da voi proposta sia una terapia che dà i risultati sperati non in tutti i casi di Malattia di Menière ma in quelli che presentano anche disturbo temporo mandiolare. Si tratta di un risultato scientifico da tenere in considerazione. Grazie.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti