Sindrome metabolica in una ragazzina di 17 anni

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 01/04/2024 Aggiornato il 01/04/2024

In caso di sindrome metabolica, la prima cosa da fare è cambiare approccio con il cibo, iniziando a seguire un'alimentazione sana che permetta di eliminare gradualmente i chili di troppo fino al recupero del peso ideale.

Una domanda di: Anna Maria
Mia figlia di 17 anni ha la sindrome metabolica per sovrappeso ed ha il ciclo da diversi giorni tre settimane. Prendeva il Farlutal 10 mg come
richiesto dall’endocrinologo. Può riassumerlo per 10 giorni e poi continuare per fare regolarizzare il ciclo? Grazie se vorrà rispondermi.
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora,
non è possibile prescrivere farmaci da remoto, meno che mai a una ragazzina di 17 anni della cui storia clinica si sa poco nulla. Detto questo, le consiglio di confrontarsi con l’endocrinologo curante per parlare di questa mestruazione che non si arresta e per valutare con lui l’opportunità di farle assumere per qualche tempo l’integratore Inofolic, che può essere d’aiuto proprio in caso di sindrome metabolica. Per quanto riguarda il sovrappeso, non è certo da sottovalutare visto che è all’origine di tutto. Il primo passo da fare ora e anche con una certa urgenza è dunque quello di far cambiare a sua figlia il tipo di approccio con il cibo, affinché la sua alimentazione le permetta di dimagrire fino a raggiungere il peso ideale. L’endocrinologo stesso può indicarle la dieta più adeguata che è importantissimo venga seguita fin da subito. Oltre alla dieta, sua figlia dovrebbe fare attività fisica, perché il movimento associato a un’alimentazione sana è un mezzo efficacissimo per eliminare i chili di troppo. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti