Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 15/01/2019 Aggiornato il 19/01/2019

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.

Una domanda di: Federica
Alla mia bambina di 11 mesi hanno riscontrato sinechie alle piccole labbra: mi devo preoccupare? La pediatra mi ha consigliato di metterle una crema a base di cortisone e provare a massaggiare con decisione. Ho espresso la mia perplessità e vorrei un altro parere. Non le farò male? La crema al cortisone in una zona cosi delicata non è pericolosa ?
Ringrazio per l’attenzione. Cordiali saluti.
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Cara mamma,
le sinechie delle piccole labbra sono una condizione benigna all’età della piccola: consistono nell’unione anomala delle piccole labbra, che chiude il meato uretrale esterno, ovvero il picoclo foro da cui passa la pipì. Sono dovute a una carenza estrogenica, cioè al fatto che gli ormoni estrogeni materni che avevano fatto il loro ingresso nell’organismo della piccola durante la vita intrauterina ra non ci sono più e, allo stesso tempo, le ovaie della bambina non ancora li producono (come è normale sia!). La conseguenza di questa carenza di estrogeni comporta secchezza delle mucose che sono i tessuti che costituiscono le piccole labbra e la secchezza, unita probabilmente al contatto con il pannolino, determina la fusione delle piccole labbra. Se le piccole labbra sono sì unite ma comunque non al punto da impedire il passaggio della pipì all’esterno o anche solo da determinare ristagni d’urina e la bambina non è soggetta a infezioni delle vie urinarie non occorre fare assolutamente nulla. No quindi al cortisone per uso locale, non ve ne è indicazione perché non risolve niente. Le sinechie parziali, ovvero che non determinano la comparsa di alcun sintomo né espongono a infezioni delle vie urinarie non vanno trattate. Solo nel caso (rarissimo!) in cui la fusione delle piccole labbra diventasse molto significativa e, quindi, comparissero sintomi – dolore, bruciore- blocco del passaggio della pipì all’esterno, ripetute infezioni delle vie urinarie – diventa opportuno ricorrere al chirurgo pediatra il quale, dopo l’applicazione locale di una crema anestetica, procede manualmente a scollarle. In questa eventualità, per evitare ricadute è utile usare una crema locale emolliente a cui, comunque, lei può fare ricorso anche ora. Le sinechie si risolvono spontaneamente all’inizio della pubertà, quando le ovaie cominciano a produrre gli ormoni femminile che restituiscono alle picocle labbra turgore e idratazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti