Sintomi di gravidanza, ma il test (precoce) è negativo: che fare?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 22/11/2021 Aggiornato il 22/11/2021

Per scoprire se la gravidanza è iniziata o no, basta attendere il primo giorno di eventuale ritardo delle mestruazioni ed effettuare lo specifico test.

Una domanda di: Isabel
È la prima volta che mi permetto di scrivere qui, e chiedo in anticipo scusa se è il post sbagliato. Pongo questa domanda: La mia ultima mestruazione è stata il 24 ottobre ho avuto ovulazione 9,10,11 novembre. Ovviamente ho avuto i rapporti con mio marito. La prossima mestruazione sarebbe il 23 novembre. Ho i sintomi premestruali con aggiunta di sbalzi di temperatura, nausea minima, difficoltà a digerire. Spinta dalla curiosità ho fatto un test Clearblue precoce questa sera ma non si vede nulla o comunque è molto impercettibile. Consigli? Grazie infinite.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, non è chiaro che cosa mi stia chiedendo. In generale, l’ovulazione si verifica in un solo giorno, cioè nell’arco di circa 24 ore, mentre i cinque giorni che la precedono sono il “periodo fertile femminile”. Sono, cioè, i giorni durante i quali i rapporti sessuali possono portare al concepimento che però può avvenire solo nel giorno dell’ovulazione. Durante il periodo ferile gli spermatozoi possono infatti sopravvivere nell’apparato genitale femminile in attesa che maturi l’ovocita ed entri nelle tube, dove avviene la fecondazione. Questo processo è favorito dal muco fertile femminile, una caratteristica secrezione trasparente e filante che segnala appunto l’approssimarsi dell’ovulazione e l’ovulazione stessa. Per quanto riguarda la sua domanda, il concepimento non avviene in automatico, non funziona come un interruttore che basta premere per accendere la luce. Lei non mi dice quanti anni ha, comunque indicativamente le probabilità di dare inizio a una gravidanza sono circa del 25-30 per cento per ogni ciclo perfino nella fascia di età più fertile, cioè fino a 30 anni. Comunque sia, attenda il giorno di eventuale ritardo delle mestruazioni e ripeta il test di gravidanza. Il consiglio che invece le raccomando di seguire è di assumere da subito e per tutta la ricerca della gravidanza, fino almeno al termine del primo trimestre, l’acido folico: una compressa da 400 microgrammi al giorno. L’acido folico serve a prevenire gravi malformazioni del bambino. Le auguro di realizzare al più presto il suo desiderio di diventare mamma. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti