Sintomi di infezione virale: serve fare il tampone per la ricerca dello streptococco?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 26/11/2022 Aggiornato il 26/11/2022

Se compaiono sintomi che suggeriscono la presenza di una forma virale, non ha alcun senso pensare che ne sia responsabile lo streptococco.

Una domanda di: Maria
Mia figlia di quasi 5 anni ha da quasi una settimana raffreddore, tosse, congiuntivite. Non ha mai avuto febbre. Stamattina le è inoltre venuta la lingua bianca. La pediatra oggi l’ha visitata e le ha trovato gola arrossata senza placche. La bambina non lamenta mal di gola. Quando ha visto la lingua, la pediatra parlando con una tirocinante che era con lei l’ha definita “lingua a fragola bianca” e ha deciso quindi di fare tampone rapido per streptococco risultato fortunatamente negativo. Ho alcuni quesiti: 1) il test rapido è stato fatto dopo poco più di un’ora di digiuno soltanto, è attendibile? Lo chiedo perché in un altro caso la pediatra ci aveva fatto questo tampone e ci aveva chiesto di non far bere o mangiare la bambina per almeno 2 ore per evitare falsi negativi. Questa volta non essendo programmato il tampone non ho potuto prepararmi adeguatamente e la bambina non era pertanto a digiuno da due ore. Preciso che la pediatra ha comunque fatto il tampone molto bene, sfregando molto sulla gola per diversi secondi. 2) Perché la pediatra ha ipotizzato lo streptococco nonostante ci fossero evidenti sintomi virali? ( raffreddore, tosse?) Solo l’aspetto della lingua basta a ipotizzare streptococco? 3) Se non è streptoccocco, allora a cosa è dovuta questa lingua a fragola bianca? hHo letto morbillo o rosolia, ma mia figlia è vaccinata e non ha esantemi). È il caso di rifare il tampone faringeo fra qualche giorno per essere sicuri che non sia scarlattina? Grazie molte.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora, mi sembra che l’ultimo dei problemi è aver paura che possa trattarsi di una infezione da streptococco che, se anche può fare la lingua a fragola, non viene praticamente mai senza febbre, né con raffreddore e tantomeno con tosse e congiuntivite. Tutti sintomi tipici di una forma virale. Forse un adenovirus che si accompagna spesso a congiuntivite, ma anche, perché no, lo stesso coronavirus. Questo anche per dire che se avessi avuto l’idea di fare un tampone non lo avrei certo fatto per cercare lo streptococco (e l’aver prima mangiato non è un problema). Infine se la bambina dovesse continuare ancora con il raffreddore, la congiuntivite e con tosse secca senza migliorare, penserei ad una forma allergica e le chiederei se non avete magari adottato da poco un gatto o un cane a casa. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti