Slinda: si può non sospenderla mai per evitare il sanguinamento?

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 08/01/2024 Aggiornato il 08/01/2024

L'assunzione della pillola Slinda può essere protratta senza alcuna interruzione, tuttavia a un certo punto le perdite di sangue si manifesteranno comunque.

Una domanda di: Grazia
Prendo la pillola Slinda da 28 compresse di cui 4 placebo. Dopo la 24^ pillola attiva mi è venuta la mestruazione da sospensione. Volevo sapere se è necessario fare questa sospensione di 4 giorni o si può prendere già un altro blíster dopo le 24 pillole attive per non avere il ciclo. Ho 40 anni, 3 figli e ho il ciclo da 28 anni. Quindi, oltre alla contraccezione, prendo la pillola anche per non avere più il ciclo.
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Grazia, quello che lei propone si può senz’altro fare, però tenga presente che, comunque, anche saltando il periodo di sospensione, a un certo punto il sanguinamento inizia a manifestarsi. Quando succede è opportuno fare la pausa di quattro giorni (come previsto per Slinda) e poi ricominciare con la nuova confezione. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti