Smegma abbondante: come si elimina?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 18/11/2019 Aggiornato il 18/11/2019

Una corretta igiene locale a volte è sufficiente per eliminare lo smegma, tuttavia a volte è necessario ricorrere all'antibiotico.

Una domanda di: Paolo Giovanni
Il pene del mio bambino è pieno di smegma, che faccio?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile papà,
provi a pulire delicatamente il pene, dopo aver messo il bambino nella vasca anche cn poca acqua (è sufficiente che venga bagnato il pene). Dopo aver ben inumidito la parte, provi delicatamente ad asportare lo smegma con una garza imbevuta di olio detergente. Il movimento va condotto con leggerezza, per non traumatizzare la parte. Può poi sciaquare con il getto tiepido della doccia.
Se però lo smegma dovesse rimanere o riformarsi senta il pediatra: spesso risulta necessario oltre alla buona igiene applicare una crema antibiotica per una settimana, in quanto nella parte potrebbe essersi sviluppata un’infezione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti