Sono incinta: posso vaccinare il mio bambino?

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 10/04/2018 Aggiornato il 20/11/2019

Durante la gravidanza non si corre alcun rischio facendo vaccinare il primo figlio contro morbillo, parotite, rosolia e varicella. Anzi, in questo modo si protegge oltre al primogenito anche il nascituro.

Una domanda di: Rosalinda
Salve, ho un bimbo di 16 mesi a cui va fatto il vaccino contro il morbillo, rosolia, parotite e varicella ma essendo io al 4° mese di gravidanza (ma immune) non so che fare! Ho letto di aspettare il parto per tutelare il feto! È così o posso fare il vaccino tranquilla oppure devo stare lontana dal mio bimbo ? Grazie
Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile Mamma,
può e deve vaccinare suo figlio di 16 mesi e in questo modo proteggerà lui e il nascituro (in particolare quest’ultimo). Suo figlio deve stare con lei. Il bambino recentemente deceduto a Catania a causa del morbillo aveva 10 mesi (troppo piccolo per poter essere vaccinato) e ha purtroppo contratto la malattia da chi non era vaccinato. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

25/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti