Sospetto di spina bifida occulta

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 29/04/2020 Aggiornato il 14/09/2020

Fino ai 60 giorni di vita del bambino è possibile indagare sll'eventuale presenza della spina bifida occulta, dopo è necessario ricorrere alla risonanza magnetica nucleare.

Una domanda di: Sergio
Salve dottoressa Bertocchini. Io e mia moglie abbiamo notato che nostro figlio di tre mesi ha una fossetta sopra l’ano e la linea interglutea deviata. Pertanto ci siamo recati dalla pediatra che ha suggerito di sottoporlo ad una ecografia. Desidererei un suo parere allegandole le foto. In attesa di una sua risposta la ringrazio anticipatamente.
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile papà,
credo che la vostra pediatra sospetti un cosiddetto disrafismo, ovvero la presenza di una spina bifida occulta. Si tratta d una malformazione lieve, caratterizzata dall’ancoraggio dell’estremità inferiore del midollo spinale, contenuto nella colonna vertebrale, alla stessa colonna vertebrale. In condizioni normali il midollo spinale termina liberamente, non fissato alla colonna. Questa eventualità comporta vari deficit, tra cui i più importanti sono l’incontinenza urinaria e fecale che si protrae al di là del periodo in cui è fisiologico che il bambino abbia bisogno del pannolino e l’incapacità di camminare. In realtà per l’esecuzione dell’ecografia che vi ha suggerito è tardi: questa indagine, quando si sospetta la spina bifica occulta, va effettuata al massimo entro i 60 giorni di vita. Più avanti, non riesce più a rilevare l’eventuale presenza dell’anomalia quindi è inutile. Posto che la spina bifica si può rilevare già durante le vita intrauterina, attraverso le ecografia e che alla nascita i neonati vengono visitati accuratamente per valutare se a livello della piega interglutea ci sono segni che potrebbero esprimere la presenza di una spina bifida occulta (cioè così lieve da non essere stata rilevata durante i controlli ecografici effettuati durante la gravidanza), io vi consiglio a questo punto di sottoporre il bambino a una risonanza magnetica, che è l’indagine che dopo i 60 giorni di vita riesce meglio a evidenziare l’eventuale presenza della malformazione. La farei per poter stare tranquilli, per non vivere nel timore di scoprire più avanti che il bambino ha qualcosa che non va. Non aspetterei cioè l’anno di vita per capire se è in grado di muovere i primi passi. E’ solo il mio parere ovviamente, ma vi consiglio di confrontarvi di nuovo con la vostra pediatra, per comprendere cosa ne pensa. Mi tenga aggiornata, se lo desidera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti