Sotto la fede la pelle è diventata nera: è un brutto segno?

Dottoressa Floria Bertolini A cura di Dottoressa Floria Bertolini Pubblicato il 16/11/2020 Aggiornato il 19/11/2020

Secondo un'antica credenza popolare se la pelle a contatto con l'oro diventa scura significa che non si sta bene e non sono pochi quelli che ancora ci credono.

Una domanda di: Leda
Sotto la fede mi è comparso un alone nero.
È preoccupante, avrò altre malattie?
Ho la sclerosi multipla.
Floria Bertolini
Floria Bertolini

Gentile Signora Leda,
esiste una credenza popolare per cui, quando sotto l’anello la pelle diventa scura (ma la pigmentazione grigio-nerastra è asportabile con il solo lavaggio delle mani), la persona cui compare questo fenomeno non stia particolarmente bene in salute.
Mi sembra di capire che il suo quesito sia se questo fenomeno possa essere interpretato come un segno sfavorevole all’evoluzione della sua patologia, la sclerosi multipla.
Non esiste alcuna evidenza scientifica tra questo fatto ed eventuali patologie associate.
L’oro, usato per i gioielli, non è puro, perché eccessivamente malleabile. E’ reso più lavorabile in lega con altri metalli, di cui alcuni nobili come platino, palladio, che non si ossidano e con altri metalli non nobili, come nichel, rame, zinco…
In Italia si usa in genere oro 18 carati, perché 750 parti su mille sono di oro puro e le rimanenti 250 parti sono costituite da altri metalli. I metalli non nobili si ossidano in condizione di sudorazione intensa, come nella iperidrosi, malattia caratterizzata da intensa sudorazione o nei periodi di maggiore umidità, come d’estate o in presenza di febbre, per il cambiamento del microambiente cutaneo. La conseguenza dell’ossidazione si osserva come una pigmentazione brunastra della cute, rimovibile con il solo lavaggio della pelle, a contatto con i monili in oro.
Quindi l’ossidazione dell’oro di fatto segnala un’alterazione rispetto alla norma, ma ciò non significa che le patologie croniche, di cui una persona è affetta, debbano essere la causa di tale fenomeno né anticipa la comparsa di una qualsivoglia malattia. Con cordialità.

Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti