Spermatozoi pigri: che fare per avere un bimbo?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 16/11/2018 Aggiornato il 16/11/2018

Per imanere incinta basta un solo spermatozoo quindi, anche se il risultato dello spermiogramma non è tra i più felici, è possibile comunque riuscire a dare inizio a una gravidanza.

Una domanda di: Katia
Salve vorrei un aiuto: io e il mio compagno stiamo cercando un bimbo ma lui
ha gli spermatozoi pigri.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi piace la sua domanda e le dico subito il motivo: è molto schietta.
Non mi ha raccontato molto di sé (sarebbe interessante sapere quanti anni avete, da quanto tempo cercate la gravidanza, che lavoro fate…noi medici siamo molto curiosi, ci impicciamo volentieri degli affari altrui!) ma le direi che la prima cosa se si cerca un bambino è di non colpevolizzarsi a vicenda se non arriva subito. A volte i figli si fanno attendere per mettere alla prova l’amore dei genitori…
Il fatto che suo marito abbia avuto un risultato non ottimale allo spermiogramma non comporta l’impossibilità di coronare il vostro sogno: è un esame che può modificarsi nel tempo e, anche se in natura gli spermatozoi sono prodotti a milioni, sappiamo bene che ne basta uno “giusto” per rimanere incinta.
Dal punto di vista maschile, consiglierei comunque a suo marito di fare una valutazione andrologica (o urologica in assenza dello specialista andrologo) per provare a svegliare dalla loro pigrizia questi spermatozoi, magari mediante integratori ad hoc.
Dal punto di vista femminile, le consiglio di imparare i metodi naturali di regolazione della fertilità (per esempio, a riconoscere il più grande”marcatore” della fertilità, ovvero il muco fertile, chiaro, trasoparente, filante, come previsto dal metodo dell’ovulazione Billings). Sono molto efficaci nell’ottenere la gravidanza spontaneamente, in quanto permettono alla coppia di riconoscere i giorni più fertili, quelli in cui ci sono le maggiori probabilità di concepimento associate ai rapporti sessuali.
Nel frattempo, le consiglio anche di assumere acido folico (1 compressa da 400 microgrammi/die lontana da the e caffè), di ridurre o sospendere il fumo di sigaretta (anche quello passivo se possibile), di cercare il peso forma (non sono di aiuto per la fertilità né il sottopeso né il sovrappeso), di svolgere una blanda attività fisica (non estrema, mi raccomando! anche lo sport a livelli agonistici potrebbe ostacolare la ricerca della gravidanza), di cercare di evitare o ridurre al minimo lo stress…per quanto possibile!
Spero di esserle stata di aiuto, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti