Spilli e scosse in vagina a inizio gravidanza: cosa può essere?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/08/2023 Aggiornato il 07/08/2023

A inizio gravidanza è facile avvertire dei fastidi o anche lievi dolori pelvici (a volte simili a piccoli crampi come di ciclo mestruale in arrivo) che potrebbero anche avere un'origine intestinale.

Una domanda di: Erika
Buongiorno Dottoressa, ho 31 anni e la data della mia ultima mestruazione è stata il 15/16 giugno. Il 27 giugno visita dalla gine con embrione di 3.7mm e cuore che batte mi dice tutto ok (ne vengo da un aborto spontaneo a gennaio). Domenica sono iniziate forti nausee e vomito ripetuto oggi ho notato una cosa strana delle fitte/scosse/aghi all’interno della vagina, il dolore è basso però sono agitata. La mia gine è in ferie e non so se è il caso di andare in pronto? Posso essere dolori normali? Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi perdoni se l’ho fatta attendere per la risposta…la verità è che anch’io sono in ferie in questo periodo! Chissà se alla fine è andata in pronto soccorso…dal mio punto di vista non era indicato accedervi in quanto ad inizio gravidanza è facile avvertire dei fastidi o lievi dolori pelvici (a volte simili a piccoli crampi come di ciclo mestruale in arrivo) non sempre di origine uterina, potrebbero avere anche partenza intestinale. Il fatto di avere forte nausea e vomito benché sicuramente poco piacevoli, è tuttavia un segnale prognostico positivo di gravidanza in regolare evoluzione. Diciamo che il suo organismo sente l’effetto degli ormoni “a palla” della gravidanza stessa. La preoccupazione è che lei riesca comunque ad idratarsi a sufficienza nonostante nausea e vomito, altrimenti il rischio è quello di andare incontro ad una infezione delle vie urinarie (la vescica è subito sopra/davanti all’utero: non vorrei che questi “spilli” originassero da lì). Infine mi pare strano che lei abbia avuto l’ultima mestruazione il 15 giugno e che il 27 giugno già si vedesse l’embrione con battito all’ecografia…non mi tornano i conti! Forse si è sbagliata nel riferirmi qualche data. Spero che lei possa approfittare di qualche giorno di ferie (o in alternativa di malattia, chiedendo aiuto al medico di base) per stare un poco a riposo e valutare se questo sintomo tende a regredire rallentando un poco il suo ritmo solito di vita. In gravidanza il corpo parla anche attraverso questi sintomi ed è importante saperlo ascoltare per prendersi cura al meglio della sua salute e di quella del nascituro. Spero di averla aiutata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti