Spray al cortisone: si può usare in gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/11/2017 Aggiornato il 22/12/2022

La budesonide, principio attivo della famiglia dei cortisonici inalatori, si può usare anche in gravidanza, per controllare l'attacco d'asma.

Una domanda di: Lucia
Salve, mi trovo nella 27ma settimana di gravidanza ed ho alcuni attacchi di asma alcune volte ed affanno. Volevo chiedere se si può usare l’ Aicort spray da 400. Io prima della gravidanza a volte lo usavo al bisogno. Mi faccia, sapere cordiali saluti, attendo risposta
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve Lucia, buongiorno! Fortunatamente la terapia che era abituata ad utilizzare prima della gravidanza per controllare i sintomi dell’asma, è ancora compatibile. Aircort spray ha come principio attivo la budesonide, che fa parte della famiglia dei cortisonici inalatori. Il fatto che si tratti di cortisonici a volte genera delle preoccupazioni nelle mamme (e anche nei medici, in realtà!) ma nel suo caso si tratta di una terapia inalatoria, ossia diretta sull’apparato respiratorio che non andrà, se non in minima quota, a distribuirsi nell’organismo attraverso il circolo sanguigno. Quindi la buona notizia è che può curarsi e anche serenamente perché il farmaco non arriverà al bambino e non potrà ovviamente nuocergli. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti