Stabilizzanti dell’umore: sono sicuri in allattamento?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 21/12/2020 Aggiornato il 21/12/2020

In linea teorica, ci sono farmaci, come la lamotrigina, sicuri in allattamento, a patto però che i dosaggi siano valutati con estrema attenzione, sentendo anche il parere del neonatologo.

Una domanda di: Silvia
Ho 40 anni e da circa un anno assumo Lamictal 100 mg (50 mattina e 50 sera) come stabilizzante dell’umore. Ora sono incinta del secondo figlio alla 26esima settimana di gravidanza. Sono stata informata sugli eventuali rischi legati all’assunzione del farmaco dagli specialisti che mi seguono e anche in maniera autonoma ho reperito le informazioni. Fortunatamente fino ad ora è
tutto ok però sto cercando di capire come dovrei comportarmi con l’allattamento, se è possibile e sicuro allattare con l’assunzione del farmaco, quali sono i rischi.
Potreste cortesemente darmi delle delucidazioni in merito?
Vi ringrazio in anticipo.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, la lamotrigina (principio attivo del Lamictal) è un farmaco sicuro in gravidanza e in teoria compatibile anche durante l’allattamento al seno.
La cautela da avere in allattamento, riguarda il dosaggio. Mi spiego: durante la gravidanza è spesso opportuno aggiustare il dosaggio in crescendo, data la maggior rapidità di eliminazione dei farmaci. In allattamento è importante che si torni ai livelli di assunzione pregravidici per evitare che ci sia un accumulo di farmaco nel latte in grado di causare effetti collaterali al neonato (quali sedazione, ipotonia o alterazioni del respiro fino all’apnea intermittente).
Lei sta già assumendo un dosaggio molto contenuto di questo farmaco e non mi aspetto che possano esserci controindicazioni per l’allattamento al seno. Qualora il neonatologo non fosse di questo avviso, si potrebbe valutare di modificare la terapia assumendo in alternativa a Lamictal aloperidolo (stando entro i 2 mg/die di dosaggio) oppure acido valproico. Infine, mi permetto di suggerire di cercare di prendere accordi prima del parto con il responsabile della neonatologia dell’ospedale in cui desidera partorire: così avrete tutto il tempo di trovare una soluzione che metta d’accordo tutti.
Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti