Stato di agitazione: può provocare l’aborto?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 28/08/2020 Aggiornato il 28/08/2020

Se una crisi d'ansia non è riconducibile a un problema organico, il rischio di interruzione spontanea di gravidanza non si pone.

Una domanda di: Laura
Salve dottore sono alla 13 +5. Ieri pomeriggio ho avuto una forte agitazione, ci può essere rischio aborto? Grazie, cordiali saluti.

Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
non c’è ragione di preoccuparsi.
A meno che l’agitazione sia legata a un evento patologico che dalla mail non traspare, al quale ricondurre eventuali rischi.
A volte, però, può succedere che la donna avverta inconsciamente che qualcosa non va, o tema di perdere il figlio, e lo traduca in stati di tensione.
Unica soluzione a questi timori è verificare il battito cardiaco fetale. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti