Strane perdite prima della mestruazione

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 05/06/2021 Aggiornato il 05/06/2021

Non è così insolito che una mamma di due bambine piccole, di cui una che dorme poco, accumuli uno stress e una carenza di sonno tali da influire sul suo ciclo mestruale.

Una domanda di: Federica
Ho 32 anni. Sono mamma di 2
bambine, la prima di 2 anni e mezzo e la seconda di 10 mesi che allatto al
seno di notte, entrambe avute con taglio cesareo. Il ciclo mi è tornato 4
mesi fa, la prima volta con ritardi di 10 giorni, poi regolare, poi con dei
giorni di ritardo. Questo mese mi è capitata una
cosa strana, mai capitata fin ora. La settimana prima del ciclo ho avuto
delle perdite marroni (una settimana intera) quando mi pulivo, nulla di che
insomma. Di colpo si sono bloccate e ho iniziato ad avere dei ritardi, ad
oggi sono 5 giorni, ho fatto un test ed è negativo! Mi sto iniziando a
preoccupare, è tutto normale o ci può essere qualcosa di patologico dietro
quelle perdite? Leggendo su internet la cosa mi sta facendo agitare.
Inoltre considerate che con due bambine sono molto stressata, la notte dormo
poco e male, soprattutto perché la piccola ogni due ore brontola per il
latte. Spero in una sua risposta, le auguro buona giornata.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve carissima mamma, direi che la sua ultima frase è illuminante ai fini della diagnosi.
Mi spiego: in presenza di stress e insonnia è praticamente inevitabile che anche il ciclo mestruale si “ingarbugli”!
A mio avviso la cosa più probabile nel suo caso è che ci sia stato un tentativo di ovulazione che non è andato a buon fine e per questo lei ha notato quelle strane perdite di sangue.
La cosa più rilevante, però, è che lei è già stata sottoposta due volte a taglio cesareo e anche se sta allattando (ormai immagino abbia iniziato lo svezzamento) è certamente già ritornata la fertilità e quindi anche la possibilità di rimanere nuovamente incinta.
Sarebbe importante rinviare ancora per un po’ un concepimento anche per lasciare al suo utero il tempo di guarire perfettamente dall’ultimo intervento.
E’ quindi utile che lei prenda dei provvedimenti in tal senso, confrontandosi con la sua ginecologa curante…così da non avere la bella sorpresa troppo presto.
Direi che i metodi a disposizione per evitare la gravidanza sono sostanzialmente 2 (direi di escludere i metodi poco o per nulla efficaci nel vostro caso ossia il condom e il coito interrotto) ossia la contraccezione ormonale con solo progesterone (desogestrel 75 microgrammi 1 compressa al giorno tutti i giorni finchè allatta) oppure i metodi naturali (metodo dell’ovulazione Billings oppure metodo sintotermico del tipo Camen o Roetzer).
Il vantaggio dei metodi naturali è che non comportano effetti collaterali di alcun tipo, l’insegnamento è gratuito, sono semplici da imparare ed ecologici.
Lo “svantaggio” è che richiedono alcuni periodi di astinenza in caso si voglia o debba evitare la gravidanza come nel vostro caso. C’è però da sottolineare che questo aiuta la complicità della coppia e rende ancora più speciali i momenti di intimità…provare per credere!
Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti