Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 14/11/2022 Aggiornato il 23/11/2022

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.

Una domanda di: Veronica
Salve sono molto preoccupata. Sono nell’ottava settimana di gravidanza, mia figlia piccola era rimasta bloccata con la porta chiusa nel bagno e d’istinto senza curarmi del mio stato interessante, ho cominciato a dare calci nella porta, cercando di aprirla. Posso aver causato qualche danno al bambino? La prego mi risponda presto grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi scusi ma non sono riuscita a risponderle prima d’ora. La buona notizia è che, per fortuna, lei non ha causato alcun danno alla sua creatura. In casi come questo, direi che è più facile che si faccia male prima lei o la porta che il suo piccolo: la natura lo protegge in tanti modi! L’utero è bello morbido all’interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all’esterno, inoltre la camera gestazionale è piena di liquido che fa da ulteriore ammortizzatore: per fortuna non è così facile causare traumi al feto! Presumo che lei non abbia notato nulla di diverso in questi giorni (né perdite di sangue dalla vagina, né dolori simili a quelli mestruali all’utero) dico bene? All’inizio della gravidanza vale la regola: nessuna nuova, buona nuova! Quindi mi sento di rassicurarla completamente sull’accaduto, tanto più che nel frattempo la situazione si sarà risolta nel migliore dei modi anche per la sua bambina intrappolata nel bagno…vi siete spaventate parecchio entrambe mi sa! Forza e coraggio con questa seconda gravidanza, è davvero come dice lei: al secondo giro non ci curiamo più dello stato interessante e ci comportiamo quasi come se niente fosse…per fortuna il corpo lo sa e, fino a un certo punto, sopporta pazientemente. Attenzione quindi a non tirare troppo la corda e assecondare un pochino il bisogno di riposo che una mamma di sicuro ha sempre, soprattutto in dolce attesa. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti