Streptococco B: quale cura?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 01/02/2021 Aggiornato il 22/02/2021

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.

Una domanda di: Arianna
Ho contratto la candida albicans (credo, nello specifico, si tratti di streptococco agalactiae di tipo B) tenendo troppo
tempo l’assorbente interno. Già fatto terapia antibiotica ma, secondo me,
questo fungo è molto resistente. Mi avevano già detto, all’esito del primo
tampone (circa 10 anni fa), che, in caso di gravidanza portata a termine,
avrei dovuto fare una cura antibiotica per via endovenosa. Ma, mi domando
questo: per evitare che questo fungo venga trasmesso al partner anche in
sede di un primo rapporto non si può fare questa terapia anche prima che
venga iniziato qualsivoglia tipo di rapporto. Attendo risposta e nel
frattempo ringrazio.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
credo stia facendo un po’ di confusione: la Candida albicans è un fungo, lo streptococco un batterio. La Candida si cura con preparati per uso locale a
base di sostanze antimicotiche, come per esempio clotrimazolo, miconazolo, econazolo. Se l’infezione non guarisce è possibile che sia necessario il
ricorso (su prescrizione medica) ad antimicotici da assumere per bocca (per esempio a base di fluconazolo). Lo streptococco B vive normalmente in
vagina, perché fa parte del microbiota locale, ed è quindi di frequente riscontro nei tamponi vaginali. Non dà luogo a sintomi e non è pericoloso, quindi una cura antibiotica non trova indicazioni e non va fatta. Solo al momento del parto viene effettuata la profilassi antibiotica alla madre
perché questa prassi impedisce che il bambino, passando dal canale vaginale, venga contaminato. Ecco perché per prassi viene prescritto alle donne incinte il
tampone vaginale verso il termine della gravidanza: se risulta positivo allo streptococco, durante il parto – e solo durante il parto – si esegue la
profilassi, cioè si somministra l’antibiotico alla donna. Questo serve non a eliminare lo streptococco dalla vagina ma a fare da scudo al bambino
affinchè non venga contaminato. Non deve dunque fare alcuna terapia contro lo streptococco (anche perché risulterebbe inutile), mentre deve senza
dubbio curare la candida anche eliminando, eventualmente, i fattori che favoriscono le recidive, come il sovrappeso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Streptococco in

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti