Stridore durante l’inspirazione in bimbo di 9 mesi

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 12/04/2021 Aggiornato il 12/04/2021

Può essere opportuno effettuare indagini di approfondimento, anche se invasive, quando un sintomo respiratorio persiste facendo sospettare un'anomalia a carico delle vie aeree.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno, mio figlio ha quasi 9 mesi. Quando aveva poco più di un mese,
poiché a volte aveva uno stridore inspiratorio, l’avevo portato da un
otorino pediatrico che gli aveva fatto una fibroscopia e ci aveva detto che
il bimbo aveva l’epiglottide a omega, le aritenoidi lievemente
edematose (probabilente per un po’ di reflusso, anche se non rigurgita
quasi mai), lingua lievemente grossa e lieve laringomalacia. Ci aveva detto
che lo stridore sarebbe passato nel giro di 3 mesi al massimo ed
effettivamente ho assistito ad un progressivo ridursi dello stridore fino
alla sua totale scomparsa quando il bimbo aveva 5 mesi. Succede però, ogni
circa un mese/quaranta giorni, di assistere ad un riaccendersi dello
stridore… quindi il bambino per un mese sta bene, poi, non so perché,
inizia di nuovo a stridere (non tanto quanto quando era piccolo, ma solo
quando è agitato o piange o vuole attirare l’attenzione), va avanti così
per alcuni giorni e poi passa. Ad esempio in questi giorni dopo almeno un
mese e mezzo in cui era “asintomatico”, ha ricominciato a fare questo
stridore inspiratorio da ormai quasi una settimana, quando piange.
Sinceramente inizio a preoccuparmi, ho paura che non sia solo laringomalacia
ma che sia qualcosa di più serio (stenosi sottoglottica? emangioma
sottoglottico?) e di non visibile alla fibroscopia, dato che ovviamente la
fibroscopia vede solo fino al piano gotico ma non sotto. Altrimenti non mi
spiego come mai periodicamente vi sia una recrudescenza dei sintomi,
intermittente. Preciso che lo stridore è solamente inspiratorio, che di
notte il respiro è assolutamente silenzioso. Naturalmente contatterò
appena possibile anche l’otorino che ha visitato il bambino, ma attualmente
non sarà reperibile fino a maggio purtoppo e io vivo nell’ansia. Grazie
mille.
Aldo Messina
Aldo Messina

Gentile signora,
le preoccupazioni potrebbero rivelarsi eccessive, ma non posso che concordare con lei su un punto: la laringoscopia, anche se eseguita con competenza e professionalità, non sempre è esaustiva. Consulterei uno pneumologo pediatrico e valuterei l’opportunità di effettuare una broncoscopia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti