Sul richiamo della vaccinazione antimorbillo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/04/2018 Aggiornato il 18/11/2019

Per il momento il richiamo della MPR (anti morbillo, parotite, rosolia) si fa solo a cinque anni e mezzo. Si sta discutendo se effettuarne un terzo a 12 anni.

Una domanda di: Maria
Salve volevo chiedervi come mai in questo sito ho letto che il secondo richiamo del vaccino anti morbillo si fa all’età di 11/12 anni, mentre solitamente consigliano di farla a 5 anni?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara lettrice,
il piano nazionale vaccini prevede una prima dose di vaccino anti morbillo, parotite, rosolia (MPR) a 16 mesi, poi un richiamo a 5 anni e mezzo. Della possibilità di effettuare un ulteriore richiamo a 12 anni se ne sta discutendo, ma se anche venisse considerata opportuna non sarebbe sostitutiva del richiamo effettuato a 5 anni e mezzo. Riguardo a quanto ha letto, si è trattato di una svista, ora corretta. Grazie per la segnalazione, con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti