Sul test del DNA fetale

Professor Paolo Gasparini A cura di Professor Paolo Gasparini Pubblicato il 26/02/2021 Aggiornato il 26/02/2021

Nelle donne in sovrappeso è difficile eseguire l'analisi del DNA fetale circolante nel sangue materno.

Una domanda di: Raffaella
Sono alla 15+3 di gravidanza, ho effettato il test dna alla 12 settimana ed era insufficiente, lo ho ripetuto alla 14ma ed era ancora insufficiente. Sono angosciata e preoccupata per l’esito della gravidanza, preciso che sono in sovrappeso. Vi è correlazione tra il referto del test e andamento della gravidanza?
Paolo Gasparini
Paolo Gasparini

Gentile signora,
non indica il test che ha eseguito ma probabilmente si tratta di NIPT. Esistono però diverse metodologie NIPT e quindi qualsiasi considerazione senza informazioni sul test eseguito è priva di alcun significato. Detto questo, se si trattasse di NIPT, esiste una correlazione negativa tra DNA fetale e peso materno. Maggiore è quest’ultimo, minore è il DNA fetale circolante e di conseguenza più difficile è eseguire l’analisi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti