Sul valore dell’ormone antimulleriano

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 19/11/2019 Aggiornato il 19/11/2019

Il valore dell'AMH esprime il numero di follicoli rimasti nelle ovaie: alla fine dell'età fertile risulta basso, come è normale sia.

Una domanda di: Laura
Ho 46 anni, vorrei un’informazione: come mai nella mia ecografia transvaginale, il dottore ha rilevato il corpo luteo, conseguente all’ovulazione, mentre nell’ analisi del sangue l’ormone AHM , misura 0,08 che è al di sotto della media? Grazie.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
il valore dell’AMH (ormone antimulleriano) esprime il numero dei follicoli residui nell’ovaio. Nel suo caso indicherebbe che ne sono rimasti pochi, come è normale alla sua età, cioè alla fine dell’età riproduttiva. Il dato rende improbabile una risposta soddisfacente dell’ovaio alla stimolazione in caso di fecondazione assistita.
Tuttavia, pochi non significa nessuno e quindi, spontaneamente, l’ovulazione può verificarsi e potrebbe seguirne anche il concepimento.
A questo punto, se la seconda metà del ciclo, la luteale, dura 14 giorni ed è caratterizzata da una buona produzione di estrogeni e progesterone, l’endometrio può essere perfettamente idoneo a ospitare il figlio che si annida. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti