Sulla riuscita della PMA

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 16/05/2019 Aggiornato il 27/05/2019

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.

Una domanda di: Chiara
Io e mio marito siamo portatori di una malattia rara e abbiamo deciso di fare la PMA con la diagnosi preimpianto che inizieremo tra un paio di mesi.
Io ho 29 anni mentre mio marito ne ha 43, ma ha gli esami spermatici perfetti. Io non posso averne la certezza perché assumo la pillola per
l’ovaio policistico, ma in teoria nemmeno io dovrei avere particolari problemi. Secondo lei, entro quante volte l’embrione potrebbe attecchire?
Quante possibilità ci sono che possa avvenire anche al primo tentativo?
Grazie mille!

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente anche dall’età della donna. Lei ha 29 anni e questo dato anagrafico
autorizza a prevedere un buon risultato fin dal primo tentativo. Inoltre, da quanto si può capire, voi non siete una coppia sterile, e questo è anche
prognosticamente favorevole. Indicativamente, le percentuali di successo al primo tentativo di fecondazione in vitro con successivo trasferimento degli
embrioni allo stadio di blastocisti sono comprese tra il 30 e il 45%. Tenga presente che le probabilità di successo della fecondazione assistita
diminuiscono, rispetto alle probabilità di partenza, dal 4°-5° tentativo in avanti. In genere, in una signora affetta da micropolicistosi ovarica, il
numero di blastocisti sane che si possono ottenere è superiore a tre-quattro, pertanto si può pensare di potere eseguire diversi tentativi di
embryo-transfer con una sola stimolazione e prelievo ovocitario. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti