Sulla somministrazione di estrogeni per favorire la gravidanza

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 18/10/2022 Aggiornato il 21/10/2022

L'atteggiamento che spesso si ha nel dare alti dosaggi di qualsiasi cosa, pensando che più ce ne è meglio è, è fondamentalmente deleterio. Lasciar fare alla natura quasi sempre è la scelta vincente.

Una domanda di: Nairobi
Salve dottore, in un anno ho avuto 3 aborti più 1 biochimica ed ora sono a 4+5 in terapia di prassi nella poliabortività con eparina 4000, deltacortene 25, cardioaspirina, prontogest, prefolic ed altri integratori. Da tutti gli esami fatti non è risultato nulla di rilevante che possa essere la causa. Stamattina ho dosato l’estradiolo perchè ho letto che serve al mantenimento della gravidanza anche se la mia attuale ginecologa dice che non è importante mentre il mio vecchio ginecologo mi disse che nel caso fosse stato basso avrei dovuto integralo con cerotto climara. Ora vorrei capire chi dei 2 ha ragione? Una sua carenza potrebbe essere la causa oppure non incide? Il mio valore è di 287,0 pg/ml: è basso oppure è nella norma? Nel caso fosse carente vi è il bisogno di integrarlo? Grazie mille.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, per l’impianto e la placentazione la presenza degli estrogeni è importante, non devono essere troppo bassi. Ma è più pericoloso se sono in eccesso. Fondamentale effetto del progesterone è quello di ridurre l’espressione dei recettori alpha per gli estrogeni, che porta ad una cascata di eventi legati all’impianto e alla placentazione. L’eccesso di estrogeni porta ad una ripresa della proliferazione endometriale e a una resistenza al progesterone, vero ormone cardine del successo. La natura è meravigliosa nella sua complessità: è come una ricetta in cui l’esatto dosaggio degli ingredienti è fondamentale per raggiungere un risultato ottimale. L’atteggiamento che spesso si ha nel dare alti dosaggi di qualsiasi cosa, pensando che più ce ne è meglio è, è fondamentalmente deleterio. I suoi estrogeni vanno bene, non faccia altre integrazioni. Buona giornata.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti