Sull’esame del DNA fetale nel sangue materno

Dottoressa Cristiana De Petris A cura di Dottoressa Cristiana De Petris Pubblicato il 26/01/2021 Aggiornato il 26/01/2021

Anche in Abruzzo ci sono laboratori che eseguono test genetici sul snague della donna incinta.

Una domanda di: Vanessa
Vorrei fare il test del Dna fetale. Sono alla 9 settimana di gravidanza e
vorrei farlo qui in Abruzzo. Sono di Pescara. Non vorrei andare a Palermo o
altro come mi è stato detto. Potreste aiutarmi?

Cristiana De Petris
Cristiana De Petris

Gentile signora, anche a Pescara ci sono laboratori di
genetica che eseguono l’indagine di cui lei parla e che consiste
nell’analizzare il DNA del feto di cui si trova traccia nel sangue materno.
L’esame si effettua per escludere le più importanti trisomie (13; 18; 21),
tuttavia nel corso dell’esecuzione si individua anche il sesso del feto. Se
richiesto, viene effettuata anche solo quest’ultima ricerca che va detto, da
sola, non ha alcuna rilevanza dal punto di vista strettamente medico. Per
conoscere il sesso del bambino basta infatti avere la pazienza di attendere
l’ecografia di controllo che si esegue nel secondo trimestre di gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti