Sull’infezione da streptococco

Dottor Aldo Messina A cura di Dottor Aldo Messina Pubblicato il 28/12/2020 Aggiornato il 28/12/2020

In assenza di sintomi specifici, effettuare il tampone per verificare la presneza delo streptococco in gola non è opportuno.

Una domanda di: Valentina
Gentilissimo dottore, la settimana scorsa le avevo fatto una domanda sullo streptococco beta emolitico a, alla quale lei mi aveva gentilmente risposto ma mi rimangono due dubbi.
Lei mi ha detto che i miei tic potrebbero (anche se ciò non è probabile) essere una pandas e derivare quindi da un’ infezione di streptococco non curata in passato. Come faccio per scoprirlo? Devo fare un tampone faringeo per streptococo e, se positivo, assumere augmentin per 10 giorni?
Lei ha concluso il consulto scrivendo: relativamente alla possibilità di contagio con il suo piccolo, il problema per un’ infezione contratta in età infantile non sussiste, a meno di non essere, al di la di tutto, portatrice sana”. Non ho capito quindi se io sono contagiosa o no. Quindi, se avessi contratto un’ infezione in passato (in infanzia o anche successivamente in età adulta dato che anche in età adulta non ho mai preso antibiotici per mal di gola/ febbre non sapendo della pericolosità dello streptococco ) e non l’ avessi curata con terapia antibiotica, ora sarei portatrice sana e quindi contagiosa? Pur non avendo da anni né mal di gola né febbre né altri sintomi ad eccezione dei tic?. In tal caso, cosa dovrei fare? Effettuare tampone faringeo? O assumere direttamente terapia antibiotica per eradicare un eventuale streptococco non trattato in passato? Devo far controllare anche i miei figli per accertarmi che non siano stati contagiati da me? Grazie mille e scusi le domande forse banali.
Aldo Messina
Aldo Messina

Gentilissima signora,
non mi risulta che un esame possa oggi, a distanza di tempo, stabilire un rapporto di causa ed effetto tra pregressa infezione streptococcica e tic. Wcco perchè molti dubitano, come le dicevo, della reale sussistenza della patologia. Una consulenza presso un medico reumatologo potrebbe dirimere il suo dubbio.
Relativamente al contagio, come le dicevo, tale eventualità sarebbe indipendente dal pregresso contatto con lo streptococco. Potrebbe essere contagiosa qualora portasse oggi con sè il germe patogeno. Fare un tempone? Boh dovrebbe farlo ogni giorno, poichè negativo oggi non vuol dire che non non sarà negativo domani. Mi sembra eccessivo.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti