Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 22/02/2021 Aggiornato il 05/03/2021

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.

Una domanda di: Clara
Perché debbono passare 28 giorni tra due vaccini
attenuati (vivi), che succede talora non fosse? Che pericolo corre la
bambina? Nel mio caso tra il vaccino antinfluenzale nasale e il proquad (vaccino quadrivalente contro morbillo, parotite, rosolia, varicella)
passeranno 5 settimane di distanza, vanno bene o mi consigliate di
rimandare?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
il lasso di tempo di 4 settimane almeno di distanza tra due vaccini vivi attenuati è consigliato per avere buona produzione di anticorpi quando si effettua il 2° vaccino, senza interferenze con gli anticorpi indotti dalla prima somministrazione. Una distanza di 5 settimane tra vaccino antinfluenzale e vaccino quadrivalente va più che bene. Non ci sono rischi di effetti collaterali maggiori in somministrazione ravvicinate ma solo rischio di avere minor produzione di anticorpi se si avvicinano troppo i due vaccini.
E’ duqnue una questione di efficacia non di sicurezza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti