Svezzamento e formaggio: che fare se non è ben tollerato?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 16/02/2022 Aggiornato il 16/02/2022

Se si ha l'impressione che un particolare alimento determini la comparsa di colichette, se ne può sospendere l'uso per alcuni giorni.

Una domanda di: Angela
Allora dottore, ho ripreso lo svezzamento, le sto dando la frutta: due giorni
mela e due giorni pera, sempre mezzo vasetto al giorno. Ho introdotto prima
crema di riso o mais e tapioca ed è andata bene poi dopo due
giorni ho introdotto un cucchiaino di olio ed è andata bene dopo due giorni
ho iniziato a mettere un cucchiaino di parmigiano reggiano e da quando ho
introdotto il formaggio la bambina è ripartita con le colichette. Sta tutto
il giorno a sforzarsi per fare la cacca dopo tante ore la fa ma poca posso
eliminare il formaggio? E magari iniziare ad introdurre i liofilizzati?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
se le coliche da lei osservate sono legate all’uso del formaggio, lo sospenda temporaneamente, non è obbligatorio proporlo. Riprovi tra una venti di giorni, con la crescenza o la ricotta, per vedere se va meglio. I liofilizzati si possono dare dall’inizio dello svezzamento. In generale, le consiglio di afrontare la situazione con più serenità, non succede nulla di grave se si aspetta a introdurre un particolare alimento o anche due. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti