Talassemia: il gruppo sanguigno dei genitori portatori aumenta il rischio di trasmissione?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/06/2022 Aggiornato il 20/06/2022

Due portatori sani di talassemia minor possono trasmettere la malattia ai figli a prescindere dal loro gruppo sanguigno.

Una domanda di: Valentina
Sia io che il mio compagno siamo 2 portatori di talassemia beta. Il gruppo sanguigno può influire sulla riduzione o aumento di probabilità che nostro figlio possa nascere talassemico?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile signora, non mi risulta che la possibilità che il nascituro sia portatore di talassemia minor dipenda anche dal gruppo sanguigno dei genitori. Vale comunque la pena che la coppia portatrice di questa forma di talassemia si sottoponga ad una visita preconcezionale con il genetista per mettere in conto il proprio particolare rischio riproduttivo e valutare a quali accertamenti sottoporsi in gravidanza. In generale, il figlio di due portatori sani ha il 25% di probabilità di nascere ammalato.

Ho trovato molto ben fatto questo sito internet: https://www.msdmanuals.com/it-it/casa/disturbi-del-sangue/anemia/talassemie Qui vengono esposte anche diverse opzioni terapeutiche, motivo per cui mi sento di rassicurarvi sul fatto che vale comunque la pena ricercare la gravidanza e dare la vita a dei figli, anche se si corre il rischio che possano avere delle malattie…la vita è sempre molto più ricca di una diagnosi di malattia e voi sono certa che lo potete confermare…altrimenti non mi avreste nemmeno posto la domanda! Aggiungo anche che nel sito dell’Istituto superiore di sanità (isssalute.it) può trovare un link ce rimanda all’elenco dei centri per la diagnosi e la cura della talassemia delle varie regioni. Spero di avervi dato una risposta utile, resto a disposizione se volete, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti