Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 25/05/2020 Aggiornato il 01/06/2020

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.

Una domanda di: Beatrice
Ho una bimba di 10 mesi e uso spesso nel cambio pannolino il talco per asciugare le pieghetta e prevenire gli arrossamenti da umidità nel pannolino. Ho iniziato ad usarlo su consiglio di mia madre, solo ora ho letto degli articoli che dicono che è sconsigliato l’uso. Vorrei sapere se il talco è nocivo per i neonati, se sì per quale motivo, per inalazione o perché assorbito dalla cute?
Grazie per la disponibilità.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
il talco è stato praticamente abolito nell’ambito della cura del bambino. Le ragioni sono varie: nel momento dell’applicazione può creare uno sbuffo che può essere inalato, determinando irritazione nelle alte vie aeree e conseguente tosse. Può contenere quantità minime di quarzo e asbesto che possono essere tossici se inalate. Sulle zone eventualmente macerate della cute può impedire la traspirazione, per via di un “effetto tampone”, impedendo la riparazione dei tessuti. Quindi il danno che può creare non dipende dall’assorbimento cutaneo ma dalla mancata traspirazione della pelle in caso di aree particolarmente irritate. Nelle bambine era sconsigliato anche negli anni in cui si impiegava normalmente nel cambio dei pannolino, perché può risalire nel canale vaginale creando irritazione locale. Tenga presnete che i pannolini usa e getta di cui oggi si dispone hanno ridotto al minimo il rischio che si crei umidità a contatto della pelle del bambino. E’ ovvio però che il cambio del pannolino deve essere effettuato con ragionevole frequenza. Per il lavaggio l’ideale è usare acqua corrente e un sapone liquido delicato (per esempio a base di sapone di marsiglia), l’asciugatura va fatta tamponando delicatamente la zona genitale, avendo cura che non restino tracce di umidità. Dopodiché è opportuno stendere con un leggero massaggio un velo sottile di una crema emolliente specifica per l’infanzia. Le creme e le pomate a base di ossido di zinco sono da usare in caso di arrossamento della parte. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti