Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 23/11/2022 Aggiornato il 30/11/2022

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.

Una domanda di: Margherita
Salve, sono in gravidanza e come da protocollo ho fatto il tampone per lo streptococco che è risultato positivo. Sono un pochino preoccupata, la mia ginecologa mi ha tranquillizzato dicendomi che non è la fine del mondo e che basterà fare una terapia antibiotica durante il travaglio, nel frattempo mi ha dato degli ovuli Macmiror complex per 10 giorni. Detto questo, dopo aver letto vari articoli sulla cosa, mi sembra di aver capito che le possibilità che il bambino possa contrarre qualche infezione alla nascita (ovviamente seguendo la terapia suddetta) siano molto remote, giusto? Ho letto che la terapia riduce l’incidenza di infezioni di 20 volte e che il rapporto è ridotto a 1 su 4000 (nel caso di contrazione di infezioni). Per finire, nel caso si optasse per un cesareo, il rischio di contrarre eventuali infezioni sarebbe ridotto quasi allo zero o sbaglio? Grazie mille in anticipo per il riscontro. Cordialmente
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, vedo che si è già documentata a fondo sullo Streptococco! Capisco il suo timore che ci possano essere delle complicazioni al nascituro ma il tampone serve proprio a mettere in atto tutti quei presidi volti a scongiurare il pericolo di infezione congenita da Streptococco. Per inciso, non ci sono solo i protocolli in ambito ginecologico ma anche il pediatra/neonatologo ha una serie di step da seguire in caso la mamma presenti il tampone positivo per lo Streptococco al parto. Tanto per cominciare, vorrei segnalare che lo Streptococco agalactiae arriva in realtà dall’intestino. In gravidanza è quasi automatico avere l’intestino molto pigro nel suo transito e non è raro che le mamme abbiano bisogno di assumere delle fibre extra (penso ad esempio alla fibra di Psyllium) per velocizzarlo e rendere le feci un po’ meno dure. A mio avviso, potrebbe valer la pena assumere di qui fino al parto un’integrazione di probiotici per bocca, così da riequilibrare la flora batterica intestinale e quindi anche quella vaginale di conseguenza. Un prodotto che dovrebbe essere adatto è ad esempio I-Natal bustine, sempre che il Curante sia concorde! Rispetto al parto, chi abbia avuto il tampone positivo per lo Streptococco è bene che si presenti tempestivamente in pronto soccorso quando insorgono le contrazioni uterine: dato che le dosi di antibiotico sono previste sotto forma di flebo ogni 4 ore, specialmente se si tratta di un secondo figlio, si rischia di non avere il tempo di fare la seconda dose! Per chi invece dovesse rompere le acque, anche in assenza di contrazioni uterine, è indicata la profilassi antibiotica endovena fin da subito e non si può optare per la condotta di attesa: è bene che le contrazioni uterine insorgano rapidamente dopo la rottura delle acque per cui è prevista l’induzione del travaglio di parto. Lei mi pone infine una domanda cruciale: nel caso si optasse per un cesareo, il rischio di contrarre eventuali infezioni sarebbe ridotto quasi allo zero o sbaglio? Dunque, direi che il cesareo avrebbe il vantaggio di evitare il passaggio del feto attraverso il canale del parto e quindi la contaminazione potenziale con lo Streptococco. Tuttavia, il cesareo comporta tali e tanti rischi per la mamma e il nascituro che non è certamente giustificato effettuarlo solamente con questo intento (ossia per scongiurare il rischio di infezione da Streptococco). Diverso sarebbe se, poniamo, il feto fosse in presentazione podalica. In tal caso anche se il tampone vaginale fosse negativo allo Streptococco, sarebbe comunque indicato il cesareo perché i rischi del parto naturale superano i suoi benefici. Nel suo caso specifico, pur non avendo sufficienti informazioni, presumo che l’unico “inghippo” sia attualmente il tampone vaginale e mi sento di rassicurarla sul fatto che sarete in grado di affrontare il parto per via vaginale e che ne uscirete indenni entrambi. Spero di averle risposto, mi tenga aggiornata se desidera e…in bocca al lupo: ormai manca veramente poco al traguardo tanto sospirato! Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti