Tanta paura di una seconda gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 18/08/2021 Aggiornato il 18/08/2021

Ogni gravidanza e ogni parto costituiscono una storia a se stante, quindi non è detto che quanto accaduto una prima volta si ripeta.

Una domanda di: Serena
Scrivo perché da quando, due anni fa, è nato il mio primo figlio (dopo due giorni di travaglio) con un cesareo di emergenza a dilatazione
completa, mi è rimasta addosso una forte paura all’idea di affrontare un’altra gravidanza e un altro parto però, allo stesso modo, non vorrei rinunciare a fare un secondo figlio! Solo che provo solo tristezza e
paura all’idea di affrontare di nuovo tutto. Ho paura di essere più
debole avendo la cicatrice, e di lasciare solo il mio bimbo! Come
posso sbloccarmi? Come sapere se la cicatrice mi rende più debole o se è
guarita per bene?
Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno signora, ho buone notizie per lei: dato che sono già trascorsi due anni dal suo primo e purtroppo difficile parto, possiamo essere ragionevolmente certi che la sua cicatrice uterina si sia rimarginata completamente e che il suo corpo sia quindi pronto per affrontare l’avventura bellissima della gravidanza.
Inoltre, dato che sono trascorsi due anni e che la gravidanza dura nove mesi, avremo un intervallo tra i due parti di quasi 3 anni e questo le permetterà, se lo vorrà, di essere ammessa al travaglio di prova. So che sembra una follia dato quanto mi ha scritto, ma la verità è che lei si era dilatata completamente e quindi può essere che il problema sia stato nella progressione del bambino o nella sua presentazione anomala (magari di fronte o di faccia?).
Quello che posso dirle e che spero comunque le sia di conforto, è che non è uguale dal punto di vista medico partorire un bambino con un cesareo elettivo (ossia in assenza di contrazioni) oppure in urgenza (come nel suo caso).
Si è visto che sono molto più capaci di adattarsi alla vita extrauterina i bimbi che sono stati “stressati” dalle contrazioni uterine del travaglio, per quanto “inutili” ai fini del parto. Questo perché le contrazioni uterine massaggiano il torace del bambino e ne spremono fuori il liquido amniotico, così da facilitare i primi atti respiratori e da “allertarlo” in vista di ciò che gli sta per accadere. Quindi tanta fatica non è stata completamente inutile, non le sembra una buona notizia?
La seconda buona notizia è che appunto, se lo desidera, potrà provare a travagliare e a partorire per via vaginale. Certo, essendo lei pre-cesarizzata dovrà essere trattata con un occhio di riguardo e se il travaglio dovesse incepparsi vorrà dire che subirà nuovamente il taglio cesareo, ma per il suo bimbo ne sarà valsa la pena. Chissà se le ho dato abbastanza fiducia per proseguire nel suo desiderio di diventare nuovamente mamma, lo spero!
Se così non fosse, le direi di cercare una brava ostetrica che l’aiuti a prendere consapevolezza del perineo…è una zona che noi donne trascuriamo e che invece sarebbe importante conoscere meglio dal momento che ci “supporta/sopporta” tutti i giorni della nostra vita!
A disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti