Tanta voglia di un figlio e PMA

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 22/07/2020 Aggiornato il 22/07/2020

In una donna più di 40 anni, oltretutto con vari problemi a carico dell'apparato genitale, la procreazione medicalmente assistita ha scarsissime possibilità di successo. Ma una strada ci può essere.

Una domanda di: Lombardia
Buongiorno, vorrei dei chiarimenti, anche se forse le speranze sono perse. Col mio compagno attuale vorremmo avere un figlio. Io ho 44 anni, soffro di entometriosi al terzo stadio e mi sono state asportate entrambe le tube e un ovaio. Un mese fa tolto anche la tiroide: c’è qualche speranza per me ed eventualmente qual è la ” tecnica” più giusta da seguire? Siamo veramente demoralizzati,ma entrambi non abbiamo figli…e adesso che ci “siamo trovati” lo desideriamo veramente tanto. Lui ha 46 anni.
Grazie se mi risponderete.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
una fecondazione in vitro a 44 anni ha una possibilità veramente esigua di successo. Se poi la riserva ovarica è bassa, le possibilità si azzerano. Di fronte ad un importante desiderio di genitorialità, la soluzione è la fecondazione eterologa, cioè con ovociti donati da una donna giovane. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti