Tanti controlli, tanti dubbi

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 22/12/2020 Aggiornato il 22/12/2020

I controlli in gravidanza ovviamente servono tuttavia, come in tutte le cose, è sempre meglio non esagerare.

Una domanda di: Elisabetta
Le scrivo per chiederle aiuto. Sono alla 11+0 settimana. Quattro giorni fa ho fatto un controllo poiché mi sono spaventata per un
abbassamento delle beta da 122000 a 93000 (il medico di base le aveva inserite senza reale motivo). Alla visita il piccolo si muoveva ed era
cresciuto ma mi è stato prescritto del progesterone. Sono al terzo giorno di
somministrazione ma vorrei sospendere per gli effetti collaterali e perché ho letto di uno studio dove il progesterone porterebbe all’inspessimenro
della nuca. Lei cosa mi consiglia?
Grazie infinite.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, attenzione a non farsi prendere la mano con gli accertamenti in gravidanza: più se ne fanno, più dubbi si avranno!
Certo, quello del dosaggio delle beta-hCG è stato un eccesso di zelo del suo medico curante, ma non mi ha precisato per esempio se l’esame è stato effettuato in due laboratori differenti (cosa che spiegherebbe l’esito non coerente rispetto alla sua condizione clinica).
Altra cosa che non mi ha precisato, è se il progesterone le sia stato prescritto per bocca o per via vaginale. Nella seconda modalità, dovrebbe avere molti meno effetti collaterali che nella prima. Anche il dosaggio di progesterone può fare la differenza: solitamente se ne prescrivono 200 milligrammi al giorno, magari nel suo caso il dosaggio è maggiore? Questo spiegherebbe meglio anche gli effetti collaterali che sta accusando (presumo siano: difficoltà a digerire, ritenzione idrica o tensione mammaria, umore molto fragile…)
Immagino lei abbia previsto un ulteriore controllo eccografico con la sua curante. In caso non presentasse segni di distacco chorion-deciduale oltre che in assenza di perdite ematiche, si potrebbe discutere dell’opportunità di proseguire con la terapia a base di progesterone…dopo i primi tre mesi di gravidanza, oltre al suo ovaio, anche la placenta dovrebbe iniziare a produrlo autonomamente!
Rispetto all’aumento della traslucenza nucale per via del progesterone, non mi risulta ma sarei interessata a capire quale studio scientifico sostenga questa correlazione. Per inciso, la traslucenza nucale aumentata non è sinonimo di patologia (ossia non pone di per sé diagnosi di sindrome di Down nel feto) ma va indagata ulteriormente, per esempio con il test del DNA fetale nel circolo materno oppure, possibilmente dietro indicazione medica, mediante amniocentesi e conseguente cariotipo fetale (ossia il conteggio del numero dei cromosomi del feto).
Spero di esserle stata di aiuto, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti