Terza gravidanza con parete dell’utero assottigliata dopo due precedenti cesarei

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/04/2024 Aggiornato il 03/04/2024

Quando nel corso di una gravidanza viene riscontrato un assottigliamento della parete uterina dovuto a un precedente cesareo è indispensabile evitare contrazioni uterine precoci allo scopo di scongiurare il rischio di un parto fortemente pretermine.

Una domanda di: Grazia
Salve dottoressa sono alla 21^ settimana della mia terza gravidanza. Nell’ultima visita il ginecologo mi ha detto che la ferita del cesareo si sta assottigliando e di questa cosa mi ha dato conferma anche la morfologica che avevo fatto il giorno precedente… cosa mi può succedere? La mia bambina e io riusciremo a sopravvivere al cesareo o c’è pericolo di vita per una di noi due?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora mamma, peccato che lei non sia riuscita a porre queste domande al ginecologo che le ha fatto l’ecografia e al suo Curante…è vero che al momento una è presa da così tante emozioni che non sempre si riesce a formulare nel breve tempo della visita le proprie domande, quindi eccomi qui a tentare di rassicurarla ma con una raccomandazione per il futuro: non si faccia scrupoli a porre tutte le domande del caso a chi la sta seguendo…è parte integrante del nostro mestiere di medici la comunicazione con il nostro paziente! Le è stato riscontrato quindi un assottigliamento della parete uterina in corrispondenza della sutura del pregresso cesareo. Un po’ ce l’aspettiamo in chi abbia subito questo tipo di intervento: la parete uterina in quella zona non è più costituita solo da muscolo ma anche da tessuto cicatriziale che rimane più sottile rispetto alla parete uterina “vergine”. Cosa fare per limitare la possibilità che questo assottigliamento porti ad una rottura vera e propria dell’utero stesso? Occorre che lei eviti le contrazioni uterine, per quanto possibile. Immagino che ormai sappia riconoscerle molto bene, dato che è alla sua terza gravidanza. Il problema starà semmai nel fatto che avendo già due figli da accudire, ci saranno parecchie incombenze non solo nel gestirli ma anche nel mandare avanti la vostra casa con tutti i mestieri che noi mamme cerchiamo sempre di adempiere fedelmente. Ecco, a lei in questo periodo primaverile mi sento di sconsigliare le pulizie di fino e di limitarsi davvero allo stretto indispensabile per la sopravvivenza (non succede nulla se il letto rimane sfatto, lo so che è tentata di rifarli pensando alla sua mamma, alla suocera o all’esempio della nonna ma…tenga duro!), naturalmente ogni aiuto sarà ben accetto anche se a volte bisognerà fare buon viso a cattivo gioco (o commento) ma è troppo importante che lei non si affatichi per non rischiare di essere ricoverata con molto anticipo, in modo da scongiurare un cesareo urgente in epoca magari ancora prematura. Dato che lei teme per la vostra sopravvivenza, le direi che certamente non è in discussione la sua vita, mentre potrebbe esserla quella della sua bimba semmai dovesse nascere con estrema prematurità. Per questo le ho scritto che è importante che lei eviti le contrazioni uterine! Spero di averla rassicurata e che tutto proceda per il meglio…ve lo auguro di cuore!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti