Terzo cesareo: ci sono rischi?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 18/05/2020 Aggiornato il 18/05/2020

Un taglio cesareo è un intervento chirurgico a tutti gli effetti che, quando viene ripetuto, può aprire la strada a qualche probelma.

Una domanda di: Maria
Salve volevo sapere se fare un terzo cesareo dopo quasi 3 anni dal secondo è pericoloso. Ne ho avuto uno il 10 agosto 2018, la prego mi risponda al più presto, grazie mille.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, se la placenta non è inserita sulla cicatrice dei cesarei precedenti, l’unico problema è che si siano formate delle aderenze dopo gli interventi precedenti e quindi che il terzo cesareo sia un po’ più complicato e con un rischio aumentato di emorragia. Poiché immagino il cesareo sarà programmato, quindi effettuato al mattino nelle migliori condizioni, questi pericoli si dovrebbero minimizzare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti