Test di Coombs ancora negativo dopo 11 giorni dall’iniezione

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 08/01/2024 Aggiornato il 08/01/2024

Se il test di Coombs continua a essere negativo anche dopo l'iniezione per l'immunizzazione contro il fattore RH, dopo il parto, se il neonato è RH positivo, diventa necessario ripetere l'immunoprofilassi.

Una domanda di: Jessica
Salve dottoressa, c’è un dubbio che mi assale sono fattore RH negativo, per questo a 28 settimane ho fatto la puntura di immunoprofilassi. Io sapevo che il test di Coombs doveva positivizzarsi dopo la puntura invece a distanza di 11 giorni risulta negativo: mi chiedo come mai sono molto preoccupata forse è troppo presto? Devo ripeterlo più avanti? Non so che pensare. Sinceramente la ringrazio per la risposta.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, in effetti è strano che solamente 11 giorni dopo l’immunoprofilassi il suo test di Coombs indiretto risulti già negativo.
Potrebbe essere un risultato errato del laboratorio analisi oppure in caso sia attendibile, potremmo ipotizzare che gli anticorpi contro il fattore Rh che sono stati iniettati, siano già stati consumati per neutralizzare dei globuli rossi fetali sfuggiti dal circolo placentare e immessi nel torrente circolatorio materno. Fatto sta che il suo test è negativo, il che è di fatto la condizione fisiologica che attesta l’assenza di immunità contro il fattore Rh.
Se il nascituro avrà un gruppo positivo, lei ripeterà anche dopo il parto l’immunoprofilassi.
Nel frattempo, di qui alla fine della gravidanza si potrà continuare ad effettuare il test di Coombs indiretto a cadenza mensile in modo da monitorare che permanga la negatività.
Spero di averla rassicurata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti