Test di Coombs lievemente positivo dopo l’immunoprofilassi

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 21/09/2022 Aggiornato il 21/09/2022

Se si viene sottoposte a immunoprofilassi nel corso della gravidanza, è normale che per qualche tempo il test di Cooms risulti positivo. Ci possono volere mesi affinché si negativizzi completamente.

Una domanda di: Silvana
Cara dottoressa, le scrivo poiché ho ritirato gli esami e il Test di Coombs è risultato debolmente positivo. Ho avuto due aborti l’anno scorso e questa gravidanza è la mia prima ed è un miracolo. Ho avuto però un distacco alla 9 settimana risoltosi intorno alla 14ma fortunatamente. Il mio gruppo sanguigno è B Negativo e ho fatto profilassi con le immunoglobuline sia con gli aborti sia con il distacco, il Test di Coombs che faccio tutti i mesi, finora è stato sempre negativo, ma oggi 20+4 è risultato debolmente positivo e ho paura. Ho scritto al mio ginecologo che non mi sta rispondendo purtroppo, mentre il mio medico di base ahimè è come non averlo in quanto non risponde mai. Spero di avere un suo parere. Non voglio fare del male alla mia bambina. La ringrazio di cuore per la risposta. A presto.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, se lei ha effettuato l’immunoprofilassi in occasione del distacco della nona settimana, il suo test di Coombs indiretto è ancora debolmente positivo per “colpa” di quell’iniezione. Ci possono volere da due a tre mesi perché si negativizzi completamente. Mi sembra casomai anomalo che il suo test sia risultato negativo nei mesi scorsi, anche dopo aver effettuato l’immunoprofilassi.
Credo che ripetendolo il mese prossimo lo troverà con ogni probabilità negativo. Prima di allora, potrebbe essere che il suo curante decida di chiedere al laboratorio analisi la tipizzazione degli anticorpi che hanno causato la positività di questo test di Coombs (in alcuni centri, questo esame lo fanno in automatico: lo so per esperienza, dato che anni fa avevo fatto l’immunoprofilassi e facendo poi gli esami ematici il test di Coombs era risultato positivo proprio per via dell’iniezione pregressa).
Mi viene poi la domanda fatidica: ha effettuato il test in ambito ospedaliero o presso un laboratorio privato? Inoltre è utile sapere se ha effettuato gli esami sempre nello stesso centro o meno. Senza togliere nulla a nessuno, credo che in ambito ospedaliero il test dovrebbe essere più affidabile.
Direi di non allarmarsi: la sua gravidanza sta procedendo alla grande e siamo arrivati ormai oltre la metà. Adesso viene il bello! Inizierà a sentire i movimenti della sua bambina e non avrà bisogno né dell’ecografia né degli esami del sangue per sapere che tutto sta andando per il meglio.
Certo, gli esami e le ecografie sono importanti e vanno fatte ma…nel tempo si impara ad ascoltare quello che il nostro corpo ci dice e a fidarsi di sé stesse.
Spero di averla rincuorata, mi tenga aggiornata se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti