Test di gravidanza prima positivi poi negativo: può capitare?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 02/04/2024 Aggiornato il 02/04/2024

Se un ulteriore test di gravidanza effettuato sulle urine risulta negativo, dopo alcuni test positivi, si può pensare che si sia verificato un aborto, tuttavia è comunque opportuno effettuare l'esame del sangue per il dosaggio delle beta per avere informazioni certe su quanto sta accadendo.

Una domanda di: Debora
Ho scoperto di essere incinta da pochi giorni.
Sono in attesa degli esiti degli esami del sangue ma, nel frattempo, a soli due giorni di distanza dai test positivi, ho iniziato ad avere delle perdite
marroni con lievi dolori al basso ventre che mi hanno spaventata e fatta recare al pronto soccorso.
Ovviamente dall’ecografia interna non è stato possibile vedere nulla ma a seguito di questo evento le mie perdite non si sono più interrotte e ora
sono presenti anche tracce di sangue. Incontrerò il mio ginecologo tra pochi giorni e le festività pasquali non aiutano in questo momento ma nel frattempo ho un disperato bisogno di una rassicurazione (o di una brutta notizia che mi aiuti a trovare pace).
Oggi pomeriggio, presa dal panico, ho fatto anche un altro test di gravidanza che risultava essere negativo (tra martedì e mercoledì ne ho
fatti 8 ed erano tutti e 8 positivi) non so cosa pensare.Si può trattare già di una minaccia di aborto? O di un aborto? Oppure è un
evento plausibile nelle prime settimane di gravidanza? La ringrazio davvero.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
il sanguinamento nelle prime settimane di gravidanza è un’eventualità possibile che non esprime automaticamente un aborto in atto. Nella
maggioranza dei casi le perdite si esauriscono e tutto procede per il meglio. Posto questo, a non essere un bel segno è il test di gravidanza
negativo che potrebbe segnalare che la gravidanza dopo essersi avviata si è spenta. Tuttavia, a questo punto direi di effettuare, a distanza di un paio
di giorni uno dall’altro, due dosaggi dell’ormone beta-hCG nel sangue, per vedere se il valore è in aumento, come dovrebbe essere nelle prime settimane di gravidanza. Per
quanto riguarda l’ecografia, anche se va tutto bene prima della quinta settimana finita è normale che non riesca a rilevare nulla. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti